«Povera lingua italiana, ma perchè l’Accademia della Crusca non interviene?». Un lettore scrive: «Ho condiviso l’opinione della signora Molino circa... continua >

“Un dialogo tra culture diverse Ecco il mio Mediterri – amo”. di Michele Manzotti. “Mi sembra importante sottolineare come questo progetto coinvolga... continua >

Maestre a disagio: «Italiano vietato negli asili tedeschi». Il diktat dell’Intendenza ha messo in crisi anche i docenti. Brugger: «La scuola mistilin... continua >

Il Punto. di Stefano Folli. Quel rosario di definizioni è l’unico risultato del Parlamento. Le alchimie nascoste dietro la maschera del latinorum. ... continua >

Sulla piattaforma Directv. Mediaset Italia sbarca negli Stati Uniti: una mossa da 17 milioni di spettatori. Dal prossimo 20 settembre il canale tv i... continua >

La lingua italiana non cresce più? Colpa dei troppi termini inglesi. Fabrizio De Angelis. L’invasione dei termini inglesi nella lingua parlata (e sc... continua >

«La lingua italiana ha salvato la politica, narrando l’indicibile» Merlo e il «Sillabario dei malintesi». Da «mignottocrazia» a «celodurismo». La rivo... continua >

La priorità dell’Italia nei negoziati sulla Brexit. di Sandro Gozi. Caro Direttore, mi sembra tanto necessario quanto importante fare chiarezza sui ... continua >

Italians. Ehi bsev, ti dico la mia sul linguaggio dei quotidiani online. risponde Beppe Severgnini. Caro Severgnini, sul tema che vorrei di nuovo t... continua >

L’Europa non deve limitare la libertà di movimento. di Vladimiro Zagrebelsky. Il Regno Unito ha deciso con referendum di lasciare l`Unione europea, ... continua >

"Il Libro del Giorno"- Il cielo sopra Ibraima di P. Thiam e G. Cecconi

"Il Libro del Giorno"- Il cielo sopra Ibraima di P. Thiam e G. Cecconi

Il cielo sopra Ibraima

“Gli italiani hanno sovente opinioni differenti, contraddittorie, perfino opposte, sugli stranieri che emigrando da lontani paesi, sbarcano sulla penisola.
Invece gli immigrati, all’unisono, la pensano nel medesimo identico modo sui costumi, le abitudini, i modi di fare degli italiani. (…)
Tutto questo sapere è riassunto in una parola sola: tubab”.

Penda Thiam, autrice senegalese, prova a spiegarci il significato di questa parola ne “Il cielo sopra Ibraima”.
Ad accompagnarla nel confronto di due culture, quella italiana e quella senegalese, completamente diverse, è Giuseppe Cecconi.
“Tubab” è l’uomo bianco, con il suo ostentato senso di superiorità e il suo smodato attaccamento alle cose materiali.
Il nostro comportamento agli occhi di Penda Thiam, forse più svegli ed aperti dei nostri, è una continua dimostrazione della tracotanza che ci distingue: spesso poco ospitali, spesso poco gentili e cordiali, siamo così assorbiti dalle nostre preoccupazioni che il nostro ego arriva a fagocitare ogni cosa.
Che qualcuno ci chieda l’elemosina, che qualcuno sia in evidente difficoltà davanti ai nostri occhi poco importa, abbiamo già pronti alibi e scuse, riusciremo indenni ad abbassare lo sguardo per evitare quello d’aiuto di chi ci è di fronte.
Eppure “Il cielo sopra Ibraima” vuole essere innanzitutto una testimonianza di convivenza fra immigrati e tubab e dell’arricchimento reciproco che essa comporta.
D’altronde, la stesura a quattro mani di questo libro lo testimonia: incontrarsi, così diversi per colore della pelle, tradizioni, religioni e modo di essere, dà luogo ad una scintilla: può addirittura verificarsi il miracolo che i pensieri dell’uno trovino espressione nelle parole dell’altro.
“Il cielo sopra Ibraima” è, infatti, un continuo rincorrersi di citazioni di Pierpaolo Pasolini e Simone Weil: i pensieri dei senegalesi, la cui patria è così distante e diversa dall’Italia e dall’Europa, trovano ristoro nei versi dello scrittore e regista italiano e nelle opere della filosofa ebrea.

Tre sono le parole d’ordine che Penda Thiam e Giuseppe Cecconi sembrano sussurrarci fra le pagine de “Il cielo sopra Ibraima”: ‘teranga’, ‘kereze’, ‘jom’ corrispondono a tre principi fondamentali della cultura senegalese.
‘Teranga’ è l’ospitalità, la tendenza naturale a prestare ascolto all’altro, ‘kereze’ è la riservatezza, il senso del pudore, il rispetto per chi ti sta vicino e ‘jom’ è il coraggio, l’audacia nell’affrontare la vita per raggiungere la felicità.
Ciascuno di questi insegnamenti è prezioso, ma quello che di più prezioso lascia “Il cielo sopra Ibraima” è la convinzione che sarebbe meraviglioso apprendere non dalle pagine di un libro, ma dal confronto quotidiano con l’altro.
L’altro che è saggezza, che è ricchezza, che è un valore da salvaguardare.

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna in alto

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato