Scuola, in classe si parla sempre di più cinese. In evidenza

Scuola, in classe si parla sempre di più cinese.

Scuola, in classe si parla sempre di più cinese: è materia di studio nell’8 cento degli istituti superiori.

I dati sono contenuti nel report “La nuova via della Cina” presentata al ministero dell’Istruzione a Roma dalla Fondazione Intercultura in collaborazione con Ipsos nell’ambito del progetto dell’Osservatorio sull’internazionalizzazione delle scuole.

di Alex Corlazzoli.

Non solo inglese. Nelle scuole italiane è boom di lezioni di cinese. Oltre 17.500 ragazzi delle scuole superiori studiano già oggi la lingua di Mao Tse-tung e nei prossimi anni potrebbero essere molti di più visto che il 25 per cento delle scuole che hanno attivato solo corsi extra curriculari in cinese sono intenzionate a renderlo una vera e propria materia di studio. A rivelare questi dati è l’indagine “La nuova via della Cina” presentata stamattina al ministero dell’Istruzione a Roma dalla Fondazione Interculturain collaborazione con Ipsos nell’ambito del progetto dell’Osservatorio sull’internazionalizzazione delle scuole.
Stiamo parlando di 279 istituti ovvero l’8% delle scuole superiori che ha scelto di scalare la Grande Muraglia. Numeri che fino a qualche anno fa quando s’insegnavano solo l’inglese, il francese, lo spagnolo o il tedesco erano impensabili: da notare che nel 48% dei casi dove i ragazzi imparano il cinese si tratta di materia
Non solo: il 41% di questi istituti ha già inserito il cinese tra le materie dell’esame di maturità e il 47% intende farlo nel prossimo futuro. Osservando i dati diffusi scopriamo che è soprattutto nel Nord Italia e nei licei ad essere diffuso questo insegnamento che viene fatto in media in quattro classi per istituto per tre/quattro ore a settimana.
Una scommessa non facile: non sempre si sono trovati docenti qualificati. Non in tutte le scuole è stato semplice dare avvio a questa esperienza ma il 45% dei ragazzi si dichiara soddisfatto e i presidi sono convinti che studiare cinese possa servire a migliorare le prospettive per il futuro di questi ragazzi.
Resta il fatto che oggi il Paese del dragone affascina i nostri giovani: il 46% sa che la conoscenza delle lingue straniere è un elemento necessario per il successo e soddisfazione. Di quest’ultimi il 10% riconosce alla lingua cinese un ruolo fondamentale dopo l’inglese, addirittura prima dello spagnolo e del tedesco. Se chiedi un’opinione sulla Cina la maggioranza dei giovani risponde che è inquinata, tradizionalista e comunista, ma rispetto a 11 anni fa l’immagine della Repubblica Popolare è cambiata: oggi il 70% (+11 punti in percentuale rispetto al 2006) dice che è più potente e dinamica, più competitiva anche se resta meno aperta e meno libera. L’interesse verso la Cina è elevato soprattutto tra i giovani attratti dall’ambito tecnologico e dell’innovazione: non è un caso che il termine progresso sia associato alla Cina da quasi tre studenti su quattro.
Basta un viaggio a confermare la percezione. Chi studia cinese spesso parte anche verso la Grande Muraglia. In quest’ultimi anni grazie ad Intercultura sono sempre più i giovani che hanno preso un volo verso Pechino o qualche altra città e dopo esserci stati per un anno scolastico, il 95% vorrebbe tornare per trovare un lavoro. “L’esperienza di mobilità – spiega Roberto Ruffino, segretario generale della Fondazione – ha lasciato in questi ragazzi un’opinione generalmente positiva dando ai ragazzi la possibilità di diventare più indipendenti, capaci di adattamento, di apertura e con una maggiore maturità”.
(Da ilfattoquotidiano.it, 3/10/2017).

 

Ultima modifica ilMercoledì, 04 Ottobre 2017 18:40
Torna in alto

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato