L`avanzata del tedesco. E l`Italia protesta. [Ma l'ERA aveva parlato degli effetti "Engléxit" della Brexit subito] In evidenza

L`avanzata del tedesco. E l`Italia protesta. [Ma l'ERA aveva parlato degli effetti "Engléxit" della Brexit subito]

 

L`avanzata del tedesco. E l`Italia protesta
Dopo il «distacco» di Londra Berlino vuole imporlo come terza lingua nella Ue (con l`aiuto di Juncker)
BRUXELLES. La Germania sta sfruttando l`uscita del Regno Unito dall`Ue per accelerare il suo antico tentativo di imporre il tedesco come lingua prioritaria delle attività comunitarie, insieme all`inglese e al francese. Finora l`avanzata era stata costante, ma molto lenta proprio per il predominio dell`inglese. E nonostante lettere perentorie di ministri di Berlino ai più influenti euroburocrati connazionali per far promuovere la lingua madre nelle attività Ue come ulteriore elemento di forza del Sistema Paese a Bruxelles.
Il presidente lussemburghese della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, aveva fatto intuire la situazione con un più frequente uso del tedesco(insieme al francese) e un minore ricorso all`inglese. Il suo portavoce greco Margaritis Schinas, appoggiato dal capo di gabinetto tedesco di Juncker, Martin Selmayr, - tutti e tre europopolari come la cancelliera Angela Merkel - ha ora annunciato una promozione stabile della lingua di Goethe perfino nella sala stampa della Commissione, che è un po` la «linea del Piave» per la difesa dell`italiano, dello spagnolo e delle altre lingue meno parlate dell`Ue (in quanto i circa mille giornalisti accreditati rappresentano i cittadini di tutti i 28 Paesi membri e di molte altre nazionalità). Riguarda le conferenze stampa dei commissari, quando dovrebbero essere solo in inglese, francese e nella lingua dell`intervistato.
Interpellato sull`argomento, il portavoce di Juncker ha confermato i tre regimi linguistici della sala stampa. «Inglese e francese per i confronti di Mezzogiorno - ha detto Schinas -. Quando abbiamo un commissario aggiungiamo la sua lingua. Nei giorni di riunione del collegio offriamo tutte le lingue». Gli è stato subito contestato che giovedì scorso, nelle conferenze stampa di due commissari, il tedesco è stato aggiunto a un britannico (Julien King) e a una svedese (Cecilia Malmstroem). Solo un attimo di imbarazzo. Poi il portavoce di Juncker ha sancito che, con i commissari, il tedesco va ormai considerato «un elemento stabile» come inglese e francese. Ha negato, però, che siano state le pressioni di Juncker/Selmayr e di leader tedeschi europopolari a influenzare la promozione. Stessa risposta la Commissione ha dato alla richiesta di chiarimenti della Delegazione diplomatica dell`Italia presso FU, guidata da Maurizio Massari.
Corriere della Sera, 9 settembre 2017, Ivo Caizzi
-------
I numeri
• L`inglese è la seconda lingua nella classifica delle più parlate al mondo dopo il cinese: i madrelingua sono 414 milioni
• Il francese è la nona lingua più parlata: le persone che la conoscono sono oltre 200 milioni, mentre i madrelingua 136 milioni
• Il tedesco ha 200 milioni di locutori totali ed è lingua ufficiale in 9 Paesi, compresa l`Italia (in due regioni)

Ultima modifica ilDomenica, 10 Settembre 2017 10:37
Torna in alto

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato