Il 44 per cento vorrebbe separarsi dall’Italia. E i capi delle formazioni più battagliere si riuniscono a Bauladu, paese simbolo dell’antica autonomia... continua >

Alfano:« L'italiano, una lingua da difendere e diffondere» (Corriere della Sera). Caro direttore, partiamo da un dato di fatto: l'italiano è una del... continua >

L’articolo della domenica. Che errore considerare gli Usa un modello, meglio l’Europa. di Francesco Alberoni. Come è facile fare errori, e come è d... continua >

Italians. Ehi bsev, scuola dell’obbligo: ormai è “asinificazione” di massa. Caro Beppe, quando Dante ci ricorda che “non fa scienza, sanza lo ritene... continua >

Il Cinema Italiano protagonista nel Principato di Monaco. La serata inaugurale, il 16 ottobre al Café de Paris di Monte-Carlo, aprirà “Una finestra s... continua >

Tutte le novità dell’esame di terza. La Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, ha firmato il decreto che rende operative le nuove regole. Maggiore... continua >

La secessione linguistica. Shock in Trentino, il nuovo comune ha un nome straniero. Non bastavano la secessione della Catalogna, il referendum auton... continua >

La denuncia di Sabatini: la scuola ha smesso di insegnare la lingua italiana. da Andrea Carlino. Francesco Sabatini, linguista, filologo e lessicogra... continua >

Urzì: «Togliere i nomi italiani nei cartelli è inaccettabile». “Gli Schützen secessionisti dettano la linea politica ai Comuni altoatesini”. Così il ... continua >

Una grande rete Radiotelevisiva italofona per le antenne italiche nel mondo. Intervista a Loredana Cornero, segretaria generale della Comunità Radiot... continua >

Torna l'Esperanto per gli 80 anni di Papa Francesco. Forse il fintotontismo dei "negrieri" della mente potrà essere arginato. In evidenza

Torna l'Esperanto per gli 80 anni di Papa Francesco. Forse il fintotontismo dei "negrieri" della mente potrà essere arginato.

Si cominciano ad intravedere i primi effetti dell'incontro col Nunzio Apostolico a New York e dell'Appello a Papa Francesco - la cui Segreteria è stata finora raggiunta da 608 appelli - per far tornare l'Esperanto in Vaticano e sostenere la lingua della nonviolenza nel dialogo tra le fedi e tra gli Stati.

In occasione degli ottanta anni di Papa Francesco, infatti, è stata diffusa da Radio Vaticana l’immagine del Papa con accanto la sua esortazione a pregare per lui in varie lingue tra le quali compare l’Esperanto “Preĝu por mi!”, proprio sopra il "Pregate per me" in italiano, alla sinistra di chi guarda e alla destra di Papa Bergoglio.

Ora auspichiamo che torni l'Esperanto per la tradizionale Benedizione Urbi et Orbi, come per primo fece Giovanni Paolo II durante la Marcia del Partito Radicale nella Pasqua del 1994.  

Papa Bergoglio riteniamo abbia, però, una sensibilità per i poveri e i diseredati del mondo, più acuta di Giovanni Paolo II. Ecco perché insisteremo affinché vi sia una reazione adeguata di Papa Francesco al nuovo schiavismo, quello delle menti.

Schiavismo delle menti messo in atto con lucida determinazione almeno dal 1943, anno in cui Churchill, sostenuto nel merito da Roosevelt, ebbe a dire agli studenti dell'Università di Harvard:«Il potere di dominare la lingua di un popolo offre guadagni di gran lunga superiori che non il togliergli province e territori o schiacciarlo con lo sfruttamento. Gli imperi del futuro sono quelli della mente».
Ebbene, oggi, la liberazione dallo schiavismo delle menti passa da qui: dal promuovere a livello transnazionale, in tutte le sedi possibili, l'Esperanto come lingua della nonviolenza, del dialogo, dell’incontro, della speranza - come dice il suo nome e come era nell'intento del suo ideatore -. In un mondo dove sembra si voglia far prevalere violenza, emarginazione, esclusione e disperazione, anche ad opera di persone ed organismi che, se da una parte si dicono costruttori e volontari di pace, dall'altra la demoliscono con un fintotontismo non più accettabile, mentendo e imbrogliando il prossimo a sostegno di una dimensione "neutrale" e "necessaria" dell'inglese che non solo non ha ma che, invece, è tesa a nazionalizzare linguisticamente in inglese gli  altri popoli, a partire dal proprio.
Avviare con l'affermazione de “La lingua comune della specie umana”  un percorso verso la pace, la fratellanza ed il benessere dell’umanità oggi non solo è possibile ma urgente prima che il nuovo "diluvio universale" affoghi le menti degli uomini e delle donne di buona volontà.

Dichiarazione di Giorgio Kadmo Pagano, Segretario della Esperanto Radikala Asocio onlus

Torna in alto

Popoli indigeni e tradizionali, minoranze

Argentina, Mapuche contro Benetton: storia di un giovane guerriero.

Argentina, Mapuche contro Benetton: storia di un giovane guerriero. Facundo Jones Duala è in carcere da un anno con l'accusa di terrorismo. Il leader della stirpe indigena è stato arrestato mentre...

29-08-2017

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato