Il 44 per cento vorrebbe separarsi dall’Italia. E i capi delle formazioni più battagliere si riuniscono a Bauladu, paese simbolo dell’antica autonomia... continua >

Alfano:« L'italiano, una lingua da difendere e diffondere» (Corriere della Sera). Caro direttore, partiamo da un dato di fatto: l'italiano è una del... continua >

L’articolo della domenica. Che errore considerare gli Usa un modello, meglio l’Europa. di Francesco Alberoni. Come è facile fare errori, e come è d... continua >

Italians. Ehi bsev, scuola dell’obbligo: ormai è “asinificazione” di massa. Caro Beppe, quando Dante ci ricorda che “non fa scienza, sanza lo ritene... continua >

Il Cinema Italiano protagonista nel Principato di Monaco. La serata inaugurale, il 16 ottobre al Café de Paris di Monte-Carlo, aprirà “Una finestra s... continua >

Tutte le novità dell’esame di terza. La Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, ha firmato il decreto che rende operative le nuove regole. Maggiore... continua >

La secessione linguistica. Shock in Trentino, il nuovo comune ha un nome straniero. Non bastavano la secessione della Catalogna, il referendum auton... continua >

La denuncia di Sabatini: la scuola ha smesso di insegnare la lingua italiana. da Andrea Carlino. Francesco Sabatini, linguista, filologo e lessicogra... continua >

Urzì: «Togliere i nomi italiani nei cartelli è inaccettabile». “Gli Schützen secessionisti dettano la linea politica ai Comuni altoatesini”. Così il ... continua >

Una grande rete Radiotelevisiva italofona per le antenne italiche nel mondo. Intervista a Loredana Cornero, segretaria generale della Comunità Radiot... continua >

Il partito della nonviolenza a Ventotene per chiedere l'esercito e non la lingua comune. In evidenza

Il partito della nonviolenza a Ventotene per chiedere l'esercito e non la lingua comune.

Il partito della nonviolenza a Ventotene per chiedere l'esercito e non la lingua comune.

Dichiarazione di Giorgio Pagano, Segretario dell'Associazione radicale Esperanto e Responsabile del PRNTT per la Campagna della lingua comune della specie umana.

Non finisce mai di meravigliare, questo Partito Radicale post Pannella. Certo è, però, con mozioni che parlano di lingua comune della specie umana e di necessità di una lingua federale europea fin dal 1993, stupisce non poco il fatto che, anziché farsi portatori dell'istanza di una delle più antiche e consolidate battaglie del PRNTT, quella dell'affermazione dell'equo dialogo transnazionale, di una lingua della nonviolenza culturale nei rapporti tra stati e popoli, si dichiari, come ha fatto ieri a Ventotene il Tesoriere del Partito Radicale, che il primo passo degli Stati Uniti d'Europa dovrebbe essere quello di una difesa comune.

Ma una difesa è necessariamente anche capacità di offesa, di guerra preventiva, di possesso di atomiche come fatto di dissuasione, persino di occupazione degli stessi popoli europei che anelano a maggiore libertà. Tutte cose delle quali nel Partito radicale non si è mai e poi mai discusso.

Eppure una delegazione del Partito dell'antimilitarismo e dell'abolizione del servizio militare obbligatorio, contro lo sterminio per fame e le spese militari, è andato a Ventotene chiedendo, come primo passo del federalismo europeo, non fiori ma cannoni, l'esercito e non la lingua dell'equo dialogo. 

Eppure con l'uscita della Gran Bretagna dall'Ue e la conseguente uscita dal novero delle lingua comunitarie della lingua inglese, le possibilità dell'affermazione esperantista in Europa aumentano sensibilmente.

Eppure già nel 1997 il premio nobel per l'Economia Selten aveva spiegato quali erano i costi dell'iniqua comunicazione europea ed internazionale. 

Ma non è la sola "anomalia" questa, alla storia del Partito radicale di Pannella, anche lo striscione utilizzato in italiano-inglese e francese e non, come il sito del PRNTT voluto da Pannella, in italiano, inglese ed Esperanto.

Davvero un peccato che si preferisca dare la parola alle armi da guerra e non a quelle della nonviolenza e del dialogo.

 

 

Torna in alto

Popoli indigeni e tradizionali, minoranze

Argentina, Mapuche contro Benetton: storia di un giovane guerriero.

Argentina, Mapuche contro Benetton: storia di un giovane guerriero. Facundo Jones Duala è in carcere da un anno con l'accusa di terrorismo. Il leader della stirpe indigena è stato arrestato mentre...

29-08-2017

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato