La svolta di Mister italiano: "Dalle medie alla maturità meno temi e più riassunti". Parla Luca Serianni, il linguista che guiderà la task force isti... continua >

«Povera lingua italiana, ma perchè l’Accademia della Crusca non interviene?». Un lettore scrive: «Ho condiviso l’opinione della signora Molino circa... continua >

“Un dialogo tra culture diverse Ecco il mio Mediterri – amo”. di Michele Manzotti. “Mi sembra importante sottolineare come questo progetto coinvolga... continua >

Maestre a disagio: «Italiano vietato negli asili tedeschi». Il diktat dell’Intendenza ha messo in crisi anche i docenti. Brugger: «La scuola mistilin... continua >

Il Punto. di Stefano Folli. Quel rosario di definizioni è l’unico risultato del Parlamento. Le alchimie nascoste dietro la maschera del latinorum. ... continua >

Sulla piattaforma Directv. Mediaset Italia sbarca negli Stati Uniti: una mossa da 17 milioni di spettatori. Dal prossimo 20 settembre il canale tv i... continua >

La lingua italiana non cresce più? Colpa dei troppi termini inglesi. Fabrizio De Angelis. L’invasione dei termini inglesi nella lingua parlata (e sc... continua >

«La lingua italiana ha salvato la politica, narrando l’indicibile» Merlo e il «Sillabario dei malintesi». Da «mignottocrazia» a «celodurismo». La rivo... continua >

La priorità dell’Italia nei negoziati sulla Brexit. di Sandro Gozi. Caro Direttore, mi sembra tanto necessario quanto importante fare chiarezza sui ... continua >

Italians. Ehi bsev, ti dico la mia sul linguaggio dei quotidiani online. risponde Beppe Severgnini. Caro Severgnini, sul tema che vorrei di nuovo t... continua >

Il Parlamento Ue non ascolta i cittadini sul CETA In evidenza

Il Parlamento Ue non ascolta i cittadini sul CETA

Il Parlamento Ue non ascolta i cittadini sul CETA

Nonostante le preoccupazioni di 3,5 milioni di cittadini in tutta Europa, la maggioranza dei membri del Parlamento europeo ha votato oggi a favore del trattato commerciale UE-Canada. Gli attivisti si preparano a fermare il controverso accordo nei prossimi 38 parlamenti nazionali e regionali che dovranno votarlo.

Strasburgo - Quando i membri del Parlamento europeo sono entrati in aula questa mattina, i cittadini di tutti i paesi erano lì per ricordargli che la maggioranza degli europei si aspettava che votassero contro il CETA, il controverso accordo commerciale UE-Canada. Tuttavia la maggioranza dei deputati ha deciso di non ascoltare il loro elettorato e ha votato a favore. Nella votazione finale, 408 hanno votato a favore del trattato, 254 contro e 33 si sono astenuti.

“Come Radicale e liberal-socialista sono molto deluso dal risultato di questo voto, per fortuna non è ancora chiusa la partita,” dichiara Giorgio Pagano, Segretario dell’Associazione Radicale “Esperanto”, una della prime organizzazioni italiane ad aderire al coordinamento europeo Stop TTIP. “Il recente successo dell'iniziativa popolare in Austria ha dimostrato che quando ai cittadini viene data la possibilità di conoscere ed esprime un'opinione, essi sono in modo schiacciante contro trattati come il CETA.”

3,5 milioni di cittadini hanno firmato l'iniziativa europea dei cittadini per chiedere la fine del CETA e TTIP. Oltre 500 organizzazioni si sono riunite in questa campagna. Centinaia di migliaia in Europa hanno partecipato alla campagna di controllo sul CETA con l'invio di e-mail ai loro rappresentanti, spedendo cartoline, telefonando, o andando a parlare coi loro rappresentanti europei nei rispettivi collegi elettorali.

Il voto in plenaria del Parlamento europeo non chiude il processo di ratifica del CETA. L'accordo commerciale procede ora verso i parlamenti nazionali dove i rappresentanti di ciascun Paese avranno la possibilità di votare l'accordo. Molti ostacoli sono ancora di fronte alla ratifica di questo accordo: il Governo vallone ha detto che non firmerà il CETA così com’è allo stato attuale, l'Austria ha ottenuto con successo l’indizione di un referendum raccogliendo 562,552 firme e, anche nei Paesi Bassi, è previsto analogo successo nella raccolta firme affinché la popolazione venga chiamata ad esprimersi in un referendum.

Cos’è Stop TTIP:
Stop TTIP è un'alleanza di oltre 500 organizzazioni europee che si coordinano per fermare il TTIP e gli accordi commerciali e di investimento CETA. L'alleanza ritiene che questi accordi devono essere fermati, in quanto costituiscono una minaccia per la democrazia, lo Stato di diritto, diritti del lavoro, e la tutela dell'ambiente e dei consumatori.

Torna in alto

Popoli indigeni e tradizionali, minoranze

Argentina, Mapuche contro Benetton: storia di un giovane guerriero.

Argentina, Mapuche contro Benetton: storia di un giovane guerriero. Facundo Jones Duala è in carcere da un anno con l'accusa di terrorismo. Il leader della stirpe indigena è stato arrestato mentre...

29-08-2017

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato