Maestre a disagio: «Italiano vietato negli asili tedeschi». Il diktat dell’Intendenza ha messo in crisi anche i docenti. Brugger: «La scuola mistilin... continua >

Il Punto. di Stefano Folli. Quel rosario di definizioni è l’unico risultato del Parlamento. Le alchimie nascoste dietro la maschera del latinorum. ... continua >

Sulla piattaforma Directv. Mediaset Italia sbarca negli Stati Uniti: una mossa da 17 milioni di spettatori. Dal prossimo 20 settembre il canale tv i... continua >

La lingua italiana non cresce più? Colpa dei troppi termini inglesi. Fabrizio De Angelis. L’invasione dei termini inglesi nella lingua parlata (e sc... continua >

«La lingua italiana ha salvato la politica, narrando l’indicibile» Merlo e il «Sillabario dei malintesi». Da «mignottocrazia» a «celodurismo». La rivo... continua >

La priorità dell’Italia nei negoziati sulla Brexit. di Sandro Gozi. Caro Direttore, mi sembra tanto necessario quanto importante fare chiarezza sui ... continua >

Italians. Ehi bsev, ti dico la mia sul linguaggio dei quotidiani online. risponde Beppe Severgnini. Caro Severgnini, sul tema che vorrei di nuovo t... continua >

L’Europa non deve limitare la libertà di movimento. di Vladimiro Zagrebelsky. Il Regno Unito ha deciso con referendum di lasciare l`Unione europea, ... continua >

I commentatori seriali sui social non sanno scrivere in italiano corretto. Analfabetismo social: su Facebook la lingua italiana viene stuprata ogni g... continua >

L'italiano imbarca tutto Il nuovo vocabolario fa un "ciaone" a Dante. L'ultima edizione del Devoto-Oli accoglie 150 nuove parole: da Brexit a post-tr... continua >

E la Lista Pannella ordinò: sgomberate! O vi sgombero io.

E la Lista Pannella ordinò: sgomberate! O vi sgombero io.
 

Cari compagni,
spiace che la Lista che fu di Marco Pannella, ora rappresentata da Maurizio Turco insieme a Laura Arconti, Rita Bernardini e Aurelio Candido, si sia in così breve tempo, dalla morte di Marco,  talmente snaturata da farci trovare nella bacheca del Partito radicale questo avviso relativamente all’ingresso e alla stanzetta allocati all’ERA in Comodato d’uso gratuito dal 2006:

Entro la mezzanotte del 14 giugno dovranno essere rimossi tutti i materiali presenti nelle due stanze entrando a sinistra del piano inferiore.
I materiali resteranno a disposizione per altri 5 giorni data entro la quale potranno essere ritirati da coloro che dimostreranno di esserne i legittimi proprietari e dietro il pagamento delle spese per la rimozione.
Il 20 giugno i materiali rimasti saranno inviati in discarica.

Per le leggi italiane, nessuno può arrogarsi il diritto di farsi, pur ritenendosi nel giusto, giustizia da sé: effettuare uno sgombero violento che ha l’effetto, lo scopo, di distruggere 30 anni di storia Radicale dell’ERA custoditi in quei locali, mandare tutto in discarica, comprese le migliaia di libri della Biblioteca della Nonviolenza. Curioso che, secondo quell’avviso, dopo che la Lista Pannella si appropria delle cose e della storia dell’ERA, dei nostri Archivi, dei libri della BdN, eccetera, chiederebbe a noi di dimostrarne la proprietà. Magari sarebbe logico e lecito il contrario: conoscere come la Lista Pannella ne sia entrata in possesso.

Poche righe, queste, in nome del diritto alla conoscenza per tutti. Affinché nessuno abbia a dire “non sapevo...” e ricordare che, nell’ultima Mozione congressuale, uno degli obiettivi è ribadire la scelta federalista e per gli Stati Uniti d'Europa, unica alternativa ai nazionalismi antifederalisti e alla deriva burocratica dell'Unione Europea”. Ebbene, come tutti sanno, il PRNTT di Marco Pannella dal 1993 ha declinato il suo essere federalista mondiale ed europeo differenziandosi da tutti gli altri partiti e movimenti federalisti con la questione della lingua federale che, negli ultimi anni, Marco aveva identificato con lo slogan “Lingua comune della specie umana”. Convinzione, questa di Pannella, tale da fargli affermare nel 2013:
«Ci vuole l’Esperanto, la lingua comune, essere parola che diventi diritto e, quindi, per noi libertari obbligo, non più dovere».

Firmato: 
Quelli delle “due stanze entrando a sinistra del piano inferiore”,
ossia dell’Associazione Radicale Esperanto.

Presidente, Daniela Giglioli
Segretario, Giorgio Pagano
Tesoriere, Lapo Orlandi 

 ​Alla Lista Pannella: Maurizio Turco, Laura Arconti, Rita Bernardini e Aurelio Candido
Alla Presidenza del PRNTT: Matteo Angioli, Angelo Bandinelli, Marco Beltrandi, Rita Bernardini, Maurizio Bolognetti, Antonella Casu, Antonio Cerrone, Deborah Cianfanelli, Maria Antonietta Farina Coscioni, Sergio D’Elia, Mariano Giustino, Giuseppe Rossodivita, Irene Testa, Maurizio Turco, Valter Vecellio, Elisabetta Zamparutti
Alle altre Associazioni Costituenti PRNTT: Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, Certi Diritti, Non c'è pace senza giustizia, Nessuno Tocchi Caino, Radicali Italiani.
Alla TAS:  Cecilia Maria Angioletti

Torna in alto

Popoli indigeni e tradizionali, minoranze

Argentina, Mapuche contro Benetton: storia di un giovane guerriero.

Argentina, Mapuche contro Benetton: storia di un giovane guerriero. Facundo Jones Duala è in carcere da un anno con l'accusa di terrorismo. Il leader della stirpe indigena è stato arrestato mentre...

29-08-2017

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato