Intervista. «No all'interventismo sulle lingue Lasciamole vivere e morire in pace». Alfredo Stussi riceverà a Cesenatico il 28 ottobre il Premio Mor... continua >

Curiosità – Italiano in crescita esponenziale: è la quarta lingua più studiata al mondo. di Samuele Amat. Italia in giro per il mondo. La nostra “ma... continua >

Due parole in croce. di Luigi Accattoli. Un gesuita “furbaccione”. Bergoglio a Bologna ha narrato di un “vecchio gesuita ‘furbaccione’ ”che dava qu... continua >

Il 44 per cento vorrebbe separarsi dall’Italia. E i capi delle formazioni più battagliere si riuniscono a Bauladu, paese simbolo dell’antica autonomia... continua >

Alfano:« L'italiano, una lingua da difendere e diffondere» (Corriere della Sera). Caro direttore, partiamo da un dato di fatto: l'italiano è una del... continua >

L’articolo della domenica. Che errore considerare gli Usa un modello, meglio l’Europa. di Francesco Alberoni. Come è facile fare errori, e come è d... continua >

Italians. Ehi bsev, scuola dell’obbligo: ormai è “asinificazione” di massa. Caro Beppe, quando Dante ci ricorda che “non fa scienza, sanza lo ritene... continua >

Il Cinema Italiano protagonista nel Principato di Monaco. La serata inaugurale, il 16 ottobre al Café de Paris di Monte-Carlo, aprirà “Una finestra s... continua >

Tutte le novità dell’esame di terza. La Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, ha firmato il decreto che rende operative le nuove regole. Maggiore... continua >

La secessione linguistica. Shock in Trentino, il nuovo comune ha un nome straniero. Non bastavano la secessione della Catalogna, il referendum auton... continua >

20 settembre Radicale in Corte Costituzionale per un'Italia non nazionalizzata in lingua inglese In evidenza

Il Presidente della Repubblica Mattarella e il Presidente della Corte Costituzionale Grossi (ANSA). Il Presidente della Repubblica Mattarella e il Presidente della Corte Costituzionale Grossi (ANSA).

Un 20 settembre, anziché a Porta Pia, alla Corte Costituzionale per riprenderci l'Italia dalla nazionalizzazione linguistica inglese di atenei e scuole.

Giorgio Pagano (Radicali) scrive ai giudici della Corte Costituzionale.

In merito all’udienza della Corte Costituzionale del prossimo 20 settembre nella quale il collegio giudicante si esprimerà sulla cosiddetta internazionalizzazione (inglesizzazione) attuata dal Politecnico di Milano Giorgio Pagano, esponente del Partito Radicale, ricorda le parole di Umberto Eco in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia in Quirinale “Un dialetto è una lingua a cui è mancata l’università, e cioè la pratica della ricerca e della discussione scientifica e filosofica” . E’ quanto sta avvenendo – sottolinea Pagano – al PoliMi, dove nell'anno accademico 2014/15 su 39 corsi di laurea magistrale 33 sono in inglese e solo 6 in italiano, destinati però a soccombere perché persino chi opera con la doppia lingua, italiano/inglese, viene penalizzato dal Rettore che eroga 90.000 euro solo per i corsi di studio che scelgono l’Ordinamento della laurea magistrale esclusivamente in inglese. Ne consegue che chiunque tolga spazio allo studio in italiano di qualsivoglia materia nell’università, vuole la dialettizzazione della lingua italiana. Svolge un’azione sovversiva tesa alla perdita di sovranità linguistica dell’Italia per consegnarla in mano straniera. Oggi persino extracomunitaria, in quanto con la Brexit, esce anche l’inglese - notificato all’UE dal solo Regno Unito quale lingua ufficiale -, dalle lingue comunitarie. Entra così in cortocircuito anche il sistema della lingua straniera in Italia che ha assegnato all’inglese il ruolo di prima lingua tra le 4 maggiori dell’Unione.

Oltre alla distruzione di una lingua, di una cultura, di un futuro, Giorgio Pagano evidenzia ancora le prevedibili pesanti conseguenze economiche di queste decisioni del Politecnico:  con circa 12.800 iscritti alle lauree magistrali, ipotizzando una media di 26 esami nel biennio per corso di laurea, un solo libro di 20 € per esame, l’84% degli iscritti ai 33 corsi di laurea solo in inglese, la perdita biennale per la sola editoria scientifica italiana ed, evidentemente di tutto il sistema occupazionale di settore e di filiera, è di circa 185.842.800 Euro. È poi da prevedere una futura classe di laureati magistrali docenti nei licei scientifici e tecnologici che insegneranno termini scientifici e tecnici inglesi, innescando un meccanismo perverso che distruggerà per sempre il lessico tecnico-scientifico in lingua italiana.

Basta immaginare – conclude l’esponente radicale - questa cifra aggiunta alle altre risultanti dai vari corsi solo in inglese della molteplici università italiane, delle scuole secondarie, delle materie insegnate solo in inglese col metodo CLIL e, sotto i nostri occhi, l’accecante evidenza è che si sta realizzando è il genocidio linguistico-culturale italiano attraverso l’istruzione.

QUI L'INTEGRALE DELLA LETTERA AL COLLEGIO DEI GIUDICI DELLA CORTE COSTITUZIONALE

Torna in alto

Popoli indigeni e tradizionali, minoranze

Argentina, Mapuche contro Benetton: storia di un giovane guerriero.

Argentina, Mapuche contro Benetton: storia di un giovane guerriero. Facundo Jones Duala è in carcere da un anno con l'accusa di terrorismo. Il leader della stirpe indigena è stato arrestato mentre...

29-08-2017

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato