Prof del carcere minorile di Nisida tra le insegnanti migliori d’Italia. È Consolata Maria Franca, al secondo posto insieme ad altre tre colleghe Il... continua >

In Italia si moltiplicano, ma l’accesso è difficile. Corsi in inglese, la grande chance di arrivare prima. Ma la Corte costituzionale ha bocciato gl... continua >

Maria Agostina Cabiddu - Lettera (M. Cabiddu). Al direttore - Il 7 marzo questo giornale ha pubblicato un’intervista a Sabino Cassese sulla sentenza ... continua >

I neologismi sono un male necessario? di Francesca R. Cicetti Una lingua reattiva è un bene: l’ostinata modernizzazione forzata non lo è. Altrimenti... continua >

Competenze linguistiche, Miur dia esempio abbandonando burocratese e prestiti dall’inglese. Lettera. di redazione. Non si è ancora spento l’eco dell... continua >

Prima marcia indietro sull’Ue a più velocità “Inaccettabile un’Europa di serie A e una di B” Corretta la bozza della Dichiarazione di Roma del ... continua >

Erdogan ai turchi che vivono in Europa: “Fate almeno cinque figli, il futuro è vostro” [Gli europei disinnescano subito l'atomica demografica: i tur... continua >

Lingua italiana, nelle facoltà è sostituita dall’inglese: la Corte costituzionale dice No. Nelle nostre università si assiste ad un graduale prolifer... continua >

Italiano espresso. No, non possiamo mandare in pensione il punto e virgola.È spesso simile ad uno di quegli strani aggeggi che ti ritrovi in casa e n... continua >

Il sardo in Rai, grande occasione per tutta l’isola. La decisione del governo apre spazi nuovi. Valenza simbolica e chance occupazionali. di Diegu C... continua >

I media italiani e la distruzione della memoria collettiva per far colonizzare il Paese In evidenza

I media italiani e la distruzione della memoria collettiva per far colonizzare il Paese

Questo è un perfetto esempio di come si colonizza la mente degli italiani a livello di massa. Un servizio sulle "assistenti domestiche" nelle famiglie italiane del TG2 delle 20,30 del 16 febbraio 2013. Come Italia esistiamo da 151 anni ma culturalmente gli italiani esistono dal 1200 e non parliamo di quel che c'era prima: la Roma imperiale.

Ebbene in questo servizio su 8 citazioni di collaborazioni domestiche solo UNA riguarda l'Italia. TUTTE le altre sono straniere e, neanche a parlarne, la maggior parte riguardanti gli USA.
Così opera la distruzione della memoria collettiva di un popolo e viene soppiantata da quella di un altro popolo, quello americano, al quale non solo non si appartiene ma di cui siamo vittima: quei film americani danno lavoro a case di distribuzione americane - con la marea di addetti che comportano -, attori americani, registi americani, scenografi americani, macchinisti americani...
Sono operazioni manipolatorie mediatiche e atte a far puntare gli italiani anziché sulle loro eccellenze e valorizzare quelle che sono solo italiane, e solo gli italiani hanno, fanno studiare obbligatoriamente l'inglese ai loro figli convinti che così i loro figli sarranno assunti dagli americani e i registi, gli architetti che faranno le scenografie, macchinisti etc... saranno italiani.

La verità è che invece così si accresce lo stuolo di consumatori per gli angloamericani assicurandogli così benessere con lo sfruttamento proprio e dei propri figli.
Monitorare ciò che trasmettono ogni sera i media televisivi italiani diviene quindi fondamentale per appalesare come lavora l'ablazione della memoria popolare italiana.

Ultima modifica ilDomenica, 05 Gennaio 2014 18:44

Video

I media italiani e il genocidio culturale del Paese.
Altro in questa categoria: Monitoraggio palinsesti - 18/03/2013 »
Torna in alto

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Ente Servizio Civile Nazionale NZ02506
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato