Il Blog. Il mondo è piatto, per chi così lo vuole! Mariella Palazzolo, lobbista. Al riparo dal clamore (e dal controllo) del dibattito pubblico, si... continua >

“What?”, il pilota e la torre non si capiscono. La britannica Civil Aviation Authority: in 18 mesi sfiorati 267 incidenti per la cattiva conoscenza d... continua >

Oltre i confini di maschio e femmina. Negli Usa ora i giovani sono “fluid”. Per due millennials su dieci la sessualità è un elemento fluttuante. di ... continua >

Bordin Line. Massimo Bordin. "Siamo un partito storicamente fatto da persone che hanno avuto difficoltà con la lingua italiana, perché non avevano a... continua >

Latino in classe/ Macron "copia" Renzi e resuscita le lingue morte "per fare una scuola più competitiva".Emmanuel Macron, elezioni Francia 2017: la pr... continua >

Errori e strafalcioni tra gli studenti universitari: le parole meno conosciute di Redazione . La lingua italiana si scontra con gli studenti che la ... continua >

Le idee. Il trionfo degli analfabeti: non si è mai scritto tanto e tanto male. Dagli strafalcioni grammaticali dei politici alla dealfabetizzazione ... continua >

Sostenere che la nazionalizzazione linguistica inglese dell'Europa sia interesse dei popoli europei e delle loro lingue è come sostenere che il monopo... continua >

Due parole in croce. di Luigi Accattoli. L’urlo nero e l’urlo nascosto. Il grido e l’urlo si addicono ai poeti e si prestano agli ossimori. Tutti a... continua >

Multiculturalità. La Svizzera parla sempre più lingue. di Kai Reusser & Balz Rigendinger. Da paese ufficialmente quadrilingue, la Svizzera si s... continua >

I media italiani e la distruzione della memoria collettiva per far colonizzare il Paese In evidenza

I media italiani e la distruzione della memoria collettiva per far colonizzare il Paese

Questo è un perfetto esempio di come si colonizza la mente degli italiani a livello di massa. Un servizio sulle "assistenti domestiche" nelle famiglie italiane del TG2 delle 20,30 del 16 febbraio 2013. Come Italia esistiamo da 151 anni ma culturalmente gli italiani esistono dal 1200 e non parliamo di quel che c'era prima: la Roma imperiale.

Ebbene in questo servizio su 8 citazioni di collaborazioni domestiche solo UNA riguarda l'Italia. TUTTE le altre sono straniere e, neanche a parlarne, la maggior parte riguardanti gli USA.
Così opera la distruzione della memoria collettiva di un popolo e viene soppiantata da quella di un altro popolo, quello americano, al quale non solo non si appartiene ma di cui siamo vittima: quei film americani danno lavoro a case di distribuzione americane - con la marea di addetti che comportano -, attori americani, registi americani, scenografi americani, macchinisti americani...
Sono operazioni manipolatorie mediatiche e atte a far puntare gli italiani anziché sulle loro eccellenze e valorizzare quelle che sono solo italiane, e solo gli italiani hanno, fanno studiare obbligatoriamente l'inglese ai loro figli convinti che così i loro figli sarranno assunti dagli americani e i registi, gli architetti che faranno le scenografie, macchinisti etc... saranno italiani.

La verità è che invece così si accresce lo stuolo di consumatori per gli angloamericani assicurandogli così benessere con lo sfruttamento proprio e dei propri figli.
Monitorare ciò che trasmettono ogni sera i media televisivi italiani diviene quindi fondamentale per appalesare come lavora l'ablazione della memoria popolare italiana.

Ultima modifica ilDomenica, 05 Gennaio 2014 18:44

Video

I media italiani e il genocidio culturale del Paese.
Altro in questa categoria: Monitoraggio palinsesti - 18/03/2013 »
Torna in alto

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Ente Servizio Civile Nazionale NZ02506
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato