Scuola. Italiano vs inglese all’università, cosmopolitismo o provincialismo? Giuseppina La Face. In questi mesi giornali e media hanno trattato due... continua >

La vicepresidente Barni all’incontro con la linguista Elana Shohamy. “Un lungo lavoro di ricerca condivisa in tema di politiche linguistiche, e una l... continua >

Così ho insegnato agli alunni ad amare la lingua italiana. Annamaria Fassio email. Sono una insegnante elementare in pensione e scrittrice di gialli... continua >

Perù, compagnia petrolifera si ritira su pressione internazionale: vittoria per i popoli indigeni. In Perù ci sono 212 conflitti sociali, di cui la m... continua >

A Siena dal 7 al 9 aprile «Parole in cammino» la lingua italiana al tempo di «petaloso». Un percorso sull’italiano fra passato, presente e futuro: co... continua >

Trump: bufera sul termine “cafone”, per il Corriere Canadese “nessun razzismo”. Il Corriere Canadese, storico quotidiano della comunità italiana nei ... continua >

Prof del carcere minorile di Nisida tra le insegnanti migliori d’Italia. È Consolata Maria Franca, al secondo posto insieme ad altre tre colleghe Il... continua >

In Italia si moltiplicano, ma l’accesso è difficile. Corsi in inglese, la grande chance di arrivare prima. Ma la Corte costituzionale ha bocciato gl... continua >

Maria Agostina Cabiddu - Lettera (M. Cabiddu). Al direttore - Il 7 marzo questo giornale ha pubblicato un’intervista a Sabino Cassese sulla sentenza ... continua >

I neologismi sono un male necessario? di Francesca R. Cicetti Una lingua reattiva è un bene: l’ostinata modernizzazione forzata non lo è. Altrimenti... continua >

Competenze e capacità in lingua esperanto secondo il Quadro Comune Europeo di riferimento per le lingue: livello A2

LIVELLO A2: COMPETENZE E CAPACITÀ

 

Scala globale:

Riesce a comprendere frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). Riesce a comunicare in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. Riesce a descrivere in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati.

 

Aspetti qualitativi

Dispone di un lessico sufficiente per sostenere transazioni della routine quotidiana in situazioni e su argomenti familiari.

Usa frasi elementari con espressioni memorizzate, gruppi di parole e formule fisse per dare informazioni limitate in semplici situazioni quotidiane.

Usa correttamente alcune strutture semplici, ma continua sistematicamente a fare errori di base — per esempio tende a confondere i tempi verbali e a dimenticare di segnalare gli accordi; ciononostante ciò che cerca di dire è solitamente chiaro.

Sa collegare gruppi di parole con semplici connettivi quali “e”, “ma” e “perché”.

 

Capacità di interrelazione:

È in grado di:

- interagire con ragionevole disinvoltura in situazioni strutturate e conversazioni brevi, a condizione che, se necessario, l'interlocutore collabori;

- descrivere o presentare in modo semplice persone, condizioni di vita o di lavoro, compiti quotidiani, indicare che cosa piace o non piace ecc. con semplici espressioni e frasi legate insieme, così da formare un elenco;

- usare semplici formule convenzionali per salutare e rivolgere la parola a qualcuno;

- fare inviti, dare suggerimenti e chiedere scusa e rispondere a mosse analoghe;

- porre domande su passatempi e attività svolte e di rispondere a domande analoghe;

- dare e seguire semplici indicazioni e istruzioni, ad es. spiegare come arrivare in un luogo;

- porre domande sul lavoro e il tempo libero e rispondere a domande analoghe;

- farsi comprendere con enunciati molto brevi, nonostante siano molto evidenti pause, false partenze e riformulazioni;

- rispondere a domande e reagire ad affermazioni semplici;

- segnalare che sta seguendo il discorso, anche se raramente capisce a sufficienza per riuscire a sostenere autonomamente la conversazione.

 

Comprensione:

Comprende espressioni riferite ad aree di priorità immediata (ad es. informazioni veramente basilari sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale e lavoro), purché si parli lentamente e chiaramente.

Comprende testi brevi e semplici di contenuto familiare e di tipo concreto, formulati nel linguaggio che ricorre frequentemente nella vita di tutti i giorni o sul lavoro.

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Ente Servizio Civile Nazionale NZ02506
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato