Prima che il gallo canti…

Prima che il gallo canti

La ministra volta faccia, il voltafaccia della ministra.

Stefania Giannini 
Presidente della Società Italiana di Glottologia (SIG)

Luglio 2013

Conoscere e usare più lingue è fattore di ricchezza.

… Il documento, presentato dall'Accademia della Crusca e dalle principali associazioni linguistiche italiane alla presidenza del Consiglio, al presidente della Repubblica e a diversi ministeri, a favore del plurilinguismo, indicato come importante fattore di crescita intellettuale e sociale. Un appello per chiedere che, partendo proprio dalla scuola, si promuovano politiche adeguate e si faccia formazione, senza affidarsi all'iniziativa dei singoli insegnanti e formatori. E sgomberare il campo dai pregiudizi: conoscere e usare più lingue, sottolineano gli esperti, regala una marcia in più, arricchisce a livello personale, è un bene di valore inestimabile per la crescita della
persona e della società…

Hanno aderito al documento Conoscere e usare più lingue è fattore di ricchezza:

Accademia della Crusca
Associazione per la Storia della Lingua Italiana - ASLI
Società di Linguistica Italiana - SLI
Società Italiana di Didattica delle Lingue e Linguistica Educativa - DILLE
Società Italiana di Glottologia - SIG
Società Italiana di Linguistica Applicata - AITLA

Tullio de Mauro
Nicoletta Maraschio (Presidente dell’ Accademia della Crusca)
Rita Librandi (Presidente dell’Associazione per la Storia della Lingua Italiana - ASLI)
Emanuele Banfi (Presidente Società di Linguistica Italiana - SLI)
Paolo Balboni (Presidente della Società Italiana di Didattica delle Lingue e Linguistica Educativa - DILLE)
Stefania Giannini (Presidente della Società Italiana di Glottologia - SIG)
Giuliano Bernini (Presidente della Società Italiana di Linguistica Applicata - AITLA)
(http://www.accademiadellacrusca.it/sites/www.accademiadellacrusca.it/files/page/2013/07/17/appello_repubblica.pdf).

Stefania Giannini 
Presidente della Società Italiana di Glottologia (SIG)

Agosto 2013

Lettera aperta della Accademia della Crusca e delle Associazioni/Società scientifiche di studiosi di Linguistica italiana e di Scienze del linguaggio al Ministro dell’Istruzione, dell’Università, della Ricerca sulla decisione del Politecnico di Milano

Firenze, 2 agosto 2013

La decisione del Politecnico di Milano (assunta con delibera del Senato Accademico in data 21 maggio 2013, confermante le precedenti delibere del 20 12 2011 e del 23 01 2012 approvate dal Senato Accademico e del 20 12 2011 e del 31 01 2013 approvate dal Consiglio di Amministrazione), a partire dall’imminente a.a. 2014-2015, di attuare l’insegnamento unicamente in lingua inglese, all’interno dei Corsi di laurea magistrale e di Dottorati, ha provocato non solo una vivace reazione in ambiente accademico ed extra-accademico (come è testimoniato dagli interventi contenuti nel densissimo volume, Fuori l’italiano dall’università? Inglese, internazionalizzazione e politica linguistica, Accademia della Crusca/Laterza) ma, anche, ha suscitato - e proprio all’interno dello stesso Politecnico milanese - una presa di posizione da parte di un nutrito gruppo di docenti che hanno chiesto, con successo, al TAR della Regione Lombardia di dichiarare nulla la delibera stessa.

Il TAR della Regione Lombardia, con sentenza del 23 maggio 2013 (n. 1348/2013 - Presidente Adriano Leo), ha infatti annullato la decisione del Senato Accademico del Politecnico di Milano. E tuttavia contro tale sentenza, il Rettorato del Politecnico di Milano e il Ministero dell’Istruzione, della Ricerca e dell’Università (MIUR) si sono appellati al Consiglio di Stato, chiedendone l’annullamento, previa sospensione interinale dell’efficacia.

In attesa del pronunciamento del Consiglio di Stato, l’Accademia della Crusca e le Società/Associazioni scientifiche che in Italia istituzionalmente si occupano a livello accademico di Linguistica italiana e di Scienze del linguaggio (considerate nelle loro dimensioni teorico-descrittive e applicative, con particolare riferimento a questioni di Linguistica educativa) rilevano con rammarico e viva preoccupazione il persistere della linea di progressiva emarginazione e di abbandono dell’italiano nei gradi alti della formazione universitaria, in aperto contrasto rispetto alle posizioni prevalenti nel dibattito culturale in corso e negli stessi ambienti delle scienze naturali.

Il testo del ricorso in appello al Consiglio di Stato da parte del Politecnico di Milano solleva, per di più, un grave problema che va al di là della specifica vicenda giudiziaria, poiché mette in gioco il ruolo stesso dell’italiano come lingua ufficiale della Repubblica, evocando la mancanza dell’indicazione esplicita in Costituzione e non considerando che l’ufficialità è affermata chiaramente in leggi e sentenze della Corte costituzionale. I firmatari di questa lettera si impegnano a promuovere ogni iniziativa volta a richiamare l’attenzione delle istituzioni e dell’opinione pubblica su tutti i temi emergenti da tali fatti, che ritengono di cruciale importanza proprio nel campo della formazione professionale, oltre che culturale, delle nuove generazioni.

Nicoletta Maraschio
Presidente dell’Accademia della Crusca
Per il Consiglio Direttivo dell’Accademia della Crusca
Francesco Sabatini
Presidente onorario dell’Accademia della Crusca
Rita Librandi
Presidente dell’Associazione per la Storia della Lingua Italiana (ASLI)
Federico Vicario
Coordinatore del Gruppo di Studio sulle Politiche Linguistiche della Società di Linguistica Italiana (GSPL-SLI)
Paolo Balboni
Presidente della Società di Didattica delle Lingue e Linguistica Educativa (DILLE)
Stefania Giannini, Presidente della Società Italiana di Glottologia (SIG)
(Fonte http://www.accademiadellacrusca.it/it/eventi/evento-crusca/lettera-aperta-accademia-crusca-associazionisociet-scientifiche-studiosi-lingui).

Stefania Giannini
Ministra dell'Istruzione

Marzo 2014

… Riassorbire il precariato, valorizzare il merito degli insegnanti e valutare le performance delle scuole. Ma non solo: insegnare una materia in lingua inglese sin dalla scuola elementare… La ministra dell'Istruzione, Stefania Giannini, nel corso della sua discussione sulle Linee programmatiche del suo dicastero in commissione Cultura al Senato, è stata come un fiume in piena. Ha toccato mille tasti, anche sensibili ma ha rivendicato la centralità della scuola per questo governo…

[...] «Dobbiamo lavorare sulle lingue, mamma mia. Possibile che solo in Italia si parli questo pessimo inglese? A 18 anni bisognerebbe stare, almeno, al livello C2, [è quello dei madrelingua inglese che, invece non apprendono alcuna lingua straniera. D.G.] quello che ti consente di dialogare con il mondo, di lavorare. L’inglese è come lo sci: o lo impari da piccolo o zoppichi tutta la vita. Cercheremo di immettere nelle nostre scuole insegnanti madrelingua o “native like”

DaGiannini: Lezioni in lingua alle elementari, la mia scuola parlerà inglese. La Repubblica, 27/3/2014.

 

Ultima modifica ilDomenica, 19 Ottobre 2014 01:02
Torna in alto

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Ente Servizio Civile Nazionale NZ02506
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato