Prof del carcere minorile di Nisida tra le insegnanti migliori d’Italia. È Consolata Maria Franca, al secondo posto insieme ad altre tre colleghe Il... continua >

In Italia si moltiplicano, ma l’accesso è difficile. Corsi in inglese, la grande chance di arrivare prima. Ma la Corte costituzionale ha bocciato gl... continua >

Maria Agostina Cabiddu - Lettera (M. Cabiddu). Al direttore - Il 7 marzo questo giornale ha pubblicato un’intervista a Sabino Cassese sulla sentenza ... continua >

I neologismi sono un male necessario? di Francesca R. Cicetti Una lingua reattiva è un bene: l’ostinata modernizzazione forzata non lo è. Altrimenti... continua >

Competenze linguistiche, Miur dia esempio abbandonando burocratese e prestiti dall’inglese. Lettera. di redazione. Non si è ancora spento l’eco dell... continua >

Prima marcia indietro sull’Ue a più velocità “Inaccettabile un’Europa di serie A e una di B” Corretta la bozza della Dichiarazione di Roma del ... continua >

Erdogan ai turchi che vivono in Europa: “Fate almeno cinque figli, il futuro è vostro” [Gli europei disinnescano subito l'atomica demografica: i tur... continua >

Lingua italiana, nelle facoltà è sostituita dall’inglese: la Corte costituzionale dice No. Nelle nostre università si assiste ad un graduale prolifer... continua >

Italiano espresso. No, non possiamo mandare in pensione il punto e virgola.È spesso simile ad uno di quegli strani aggeggi che ti ritrovi in casa e n... continua >

Il sardo in Rai, grande occasione per tutta l’isola. La decisione del governo apre spazi nuovi. Valenza simbolica e chance occupazionali. di Diegu C... continua >

"Il Libro del Giorno"- Il cielo sopra Ibraima di P. Thiam e G. Cecconi

"Il Libro del Giorno"- Il cielo sopra Ibraima di P. Thiam e G. Cecconi

Il cielo sopra Ibraima

“Gli italiani hanno sovente opinioni differenti, contraddittorie, perfino opposte, sugli stranieri che emigrando da lontani paesi, sbarcano sulla penisola.
Invece gli immigrati, all’unisono, la pensano nel medesimo identico modo sui costumi, le abitudini, i modi di fare degli italiani. (…)
Tutto questo sapere è riassunto in una parola sola: tubab”.

Penda Thiam, autrice senegalese, prova a spiegarci il significato di questa parola ne “Il cielo sopra Ibraima”.
Ad accompagnarla nel confronto di due culture, quella italiana e quella senegalese, completamente diverse, è Giuseppe Cecconi.
“Tubab” è l’uomo bianco, con il suo ostentato senso di superiorità e il suo smodato attaccamento alle cose materiali.
Il nostro comportamento agli occhi di Penda Thiam, forse più svegli ed aperti dei nostri, è una continua dimostrazione della tracotanza che ci distingue: spesso poco ospitali, spesso poco gentili e cordiali, siamo così assorbiti dalle nostre preoccupazioni che il nostro ego arriva a fagocitare ogni cosa.
Che qualcuno ci chieda l’elemosina, che qualcuno sia in evidente difficoltà davanti ai nostri occhi poco importa, abbiamo già pronti alibi e scuse, riusciremo indenni ad abbassare lo sguardo per evitare quello d’aiuto di chi ci è di fronte.
Eppure “Il cielo sopra Ibraima” vuole essere innanzitutto una testimonianza di convivenza fra immigrati e tubab e dell’arricchimento reciproco che essa comporta.
D’altronde, la stesura a quattro mani di questo libro lo testimonia: incontrarsi, così diversi per colore della pelle, tradizioni, religioni e modo di essere, dà luogo ad una scintilla: può addirittura verificarsi il miracolo che i pensieri dell’uno trovino espressione nelle parole dell’altro.
“Il cielo sopra Ibraima” è, infatti, un continuo rincorrersi di citazioni di Pierpaolo Pasolini e Simone Weil: i pensieri dei senegalesi, la cui patria è così distante e diversa dall’Italia e dall’Europa, trovano ristoro nei versi dello scrittore e regista italiano e nelle opere della filosofa ebrea.

Tre sono le parole d’ordine che Penda Thiam e Giuseppe Cecconi sembrano sussurrarci fra le pagine de “Il cielo sopra Ibraima”: ‘teranga’, ‘kereze’, ‘jom’ corrispondono a tre principi fondamentali della cultura senegalese.
‘Teranga’ è l’ospitalità, la tendenza naturale a prestare ascolto all’altro, ‘kereze’ è la riservatezza, il senso del pudore, il rispetto per chi ti sta vicino e ‘jom’ è il coraggio, l’audacia nell’affrontare la vita per raggiungere la felicità.
Ciascuno di questi insegnamenti è prezioso, ma quello che di più prezioso lascia “Il cielo sopra Ibraima” è la convinzione che sarebbe meraviglioso apprendere non dalle pagine di un libro, ma dal confronto quotidiano con l’altro.
L’altro che è saggezza, che è ricchezza, che è un valore da salvaguardare.

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna in alto

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Ente Servizio Civile Nazionale NZ02506
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato