Ora è ufficiale: a scuola non tutti sanno l’italiano. In effetti non è così. E di questi giorni il dato fornito dal Miur sulla crescita annua di circ... continua >

ITALIANS. Milano: la Statale e le lauree umanistiche a numero chiuso. Caro Beppe e cari Italians, il 23 maggio il Senato Accademico dell’Università ... continua >

Tedesco, in sette anni conoscenza a picco. Le ricercatrici: gli italiani non reggono una conversazione su temi quotidiani Una «Caporetto» per i tedes... continua >

Politica scolastica. I 600 universitari insistono: cosa facciamo per migliorare l'italiano degli studenti? di Reginaldo Palermo. Si riapre la quest... continua >

Due parole in croce. di Luigi Accattoli. Il chiasso dello Spirito. “Fate chiasso” aveva detto più volte ai giovani Bergoglio che ultimamente ha dat... continua >

Mosca, una lingua "franca" per tutte le popolazioni slave. L'hanno creata un linguista ceco e un antropologo croato per rendere possibili la comunica... continua >

ITALIANS. Legge e ortografia. risponde Beppe Severgnini. In un'aula di tribunale hanno messo l'apostrofo! Ora, io sarò anche pignolo perché insegno... continua >

Mediterraneo. Una lingua meticcia ferita dall’Europa colonialista. Luciana Castellina. Sabir: basterebbe aver scelto questo nome a far capire cosa ... continua >

TV. La storia della televisione svizzera italiana. Irene T. Oggi siamo in Svizzera per raccontare la lunga storia della tv pubblica dei nostri vicin... continua >

L’intervista. Il «grido» di Rigoberta Menchù: «Scomparire? È peggio di essere uccisi». La premio Nobel: bisogna preservare la memoria delle vittime. ... continua >

I taxilibri

 

 

 

4242, il book crossing in taxi
La cooperativa Socota in collaborazione con Giunti vara l'iniziativa
"Lascia un libro in taxi", dal 15 novembre
di LAURA MONTANARI
La Repubblica, Firenze

13 ottobre 2014
Book crossing in taxi. Prendi un libro e ne lasci un altro. E' uno scambio cieco, non sai a chi affidi il tuo libro, è come lasciare un messaggio dentro la bottiglia e abbandonarla fra le onde del traffico. Da novembre la letteratura, finisce sui sedili dei taxi fiorentini, sulle auto bianche del Radio Taxi 4242. Dalla metà del mese prossimo, infatti, e fino a fine marzo 2015, il capoluogo toscano ospiterà "Lascia un libro in taxi", un'iniziativa proposta dalla cooperativa Socota in collaborazione con Giunti Editore, con lo scopo di favorire la lettura e lo scambio di libri tra persone sconosciute attraverso il taxi, che diventa così una vera e propria 'libreria viaggiante'. Si tratta della prima iniziativa del genere in Italia.
Attraverso questo progetto, gli utenti avranno la possibilità di prelevare e lasciare a loro volta un libro destinato a uno sconosciuto lettore, facendo diventare il taxi un crocevia di storie e di incontri letterari. L'iniziativa è stata presentata al Mercato Centrale di Firenze.
"Vogliamo cercare di valorizzare e rendere significativo quello che altrimenti sarebbe solo un anonimo spostamento in auto - hanno spiegato Simone Giuliani e Cristiano Storchi, rispettivamente responsabile relazioni esterne e responsabile marketing del Radio Taxi 4242 -. Inizialmente, i taxi che offriranno questo servizio disporranno di un 'parco libri di base fornito dalla casa editrice Giunti, in seguito l'utente verrà chiesto, in caso di prelievo di un libro, di lasciarne uno di sua proprietà come consiglio di lettura a un altro sconosciuto utente, accompagnato da una breve dedica e un pensiero con cui spiegare perché vale la pena leggere il volume". Nel corso dell'incontro è stato presentato anche "Susy cacao", il libro scritto dalla tassista fiorentina Susanna Madarnàs ('Bologna 29'), alla presenza dell'autrice.
"Questa iniziativa permette a chi partecipa di ritrovare anche un contatto fisico con il libro di carta, chi vuole lo lascia sul sedile al cliente successivo" racconta Giuliani. "Io parteciperò di certo e ho già in testa il libro che lascerò ai clienti, un testo di Raffaello Baldini, un poeta dialettare di Santarcagelo di Romagna, se potessi scegliere cosa trovare, fra i desideri ci sarebbe un libro di Volponi".
Il progetto "Lascia un libro in taxi", che rientra fra le iniziative della Settimana della Cultura Toscana, è patrocinata da Comune di Firenze e Regione Toscana, e ha come partner il Nuovo Mercato Centrale, la Biblioteca delle Oblate, Leggere per non Dimenticare, il Museo Stibbert, il Teatro della Pergola, Lady Radio, Toscana Tascabile, Florence Convention Bureau, e la già citata casa editrice Giunti. Al termine delle 18 settimane sperimentali dell'iniziativa, i migliori 'pensieri e consigli di lettura lasciati dai clienti verranno selezionati e premiati da un'apposita giuria.

 

 

 

Torna in alto

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato