Il Clan Destino. di Giuditta Marvelli. Anche “Ape” è un nome di Dio (e la poesia in una parola di Yourcenar). “Rumore della sorgente nelle rocce”, ... continua >

Nella babele Inter(nazionale) tutti parlano una lingua diversa. Patron cinese, presidente indonesiano, tecnico olandese e giocatori di 12 nazionalità... continua >

L'intervista. Emma Bonino. "Ue, solo slogan vuoti se non si apre il tavolo per riformare itrattati". di Alessandra Longo. I simboli sono importanti... continua >

L’Unione Europea trionfa a Rio ma il medagliere non lo sa. Gentilissimo Severgnini, l’Unione Europea trionfa alle Olimpiadi di Rio ma il medagliere n... continua >

Tibet, le monache buddhiste: basta discriminazioni sessiste, vogliamo più diritti. In Tibet, nel cuore della tradizione e della religione buddhista, ... continua >

Proposte anti-crisi. Quel percorso a ostacoli dell'Europa a due velocità. di Giulio Sapelli. La crisi dell'unità europea corre il rischio di prende... continua >

Vagiti diversi per lingue diverse: la mamma detta il pianto del neonato. di Luciana Palmacci. I neonati non parlano ancora, ma dai loro vagiti si pu... continua >

La crisi europea. I tre rimedi urgenti per superare lo stallo. Non sappiamo ancora se i tre leader di Ventotene riusciranno aconvincere il vertice U... continua >

Le regole assurde del Concorsone. Che idea di docenti c’è dietro? di Pier Paolo Segneri. La discussione è tutto. E’ attraverso il dialogo e il contra... continua >

Ormai non scriviamo più in italiano, ma in “e-taliano”- di Gloria Ghioni. "Insieme alla rivincita della scrittura e al trionfo dell’informalità (ric... continua >

L'EXECUTIVE SUMMARY del Governo al Parlamento ci porta alla seconda fase dell'assimilazione. In evidenza

L'EXECUTIVE SUMMARY del Governo al Parlamento ci porta alla seconda fase dell'assimilazione.

L'EXECUTIVE SUMMARY del Governo italiano al Parlamento italiano ci porta alla seconda fase dell'assimilazione.
Nota di Giorgio Pagano, Segretario dell’Associazione Radicale Esperanto.

Faceva, e fa, un certo effetto aprire la Relazione sulla politica dell'informazione per la sicurezza 2015 trasmessa al Parlamento italiano dal Governo italiano il 2 marzo e leggere, subito dopo il titolo, a caratteri cubitali e più grandi del titolo stesso nonché in uno sgargiante arancione, un inglesismo: "EXECUTIVE SUMMARY" .
Si poteva chiamare Presentazione, Sommario, Introduzione, Sintesi, Compendio, o anche Sunto, in sole 5 lettere e con una sola parola anziché due.  
Invece si è ricorsi ad un inglesismo inutile e spocchioso di chi, solitamente, vuole dare fumo negli occhi o far notare che lui è "avanti", un inglesorum senza senso degno di un Alberto Sordi in "Un americano a Roma" ossia di chi è, in realtà, rimasto sentimentalmente congelato nel 1954. Se le competenze linguistiche in inglese nei nostri Servizi di sicurezza, fossero state veramente "avanti" e non infantilmente imitative, certo non si sarebbero fatti cogliere in fallo dagli omologhi statunitensi che, con tutta tranquillità, intercettavano (intercettano ancora?) persino i nostri capi di governo. I nostri politici non comprendono che è la capacità e qualità organizzativa e innovativa statunitense che va studiata, adattata alle peculiarità europee per poi, magari, tentarne il sorpasso.
Ma il governo dell'inglesorum, nella sua Relazione, non si ferma all' EXECUTIVE SUMMARY, a pagina 1 troviamo "spin-off della globalizzazione" e "efficaci forme di information sharing" - pretendere la si chiami semplicemente "condivisione delle informazioni" o qualcosa di simile sarebbe troppo - . A pagina 2 c'è poi uno splendido "In chiusura, il consueto outlook sul “dove andiamo” - parlare di "sguardo" od "occhiata" sarebbe troppo - e, ancora, "agli scenari di rischio ad essi associati: foreign fighters, returnees e commuters, nonchè commandos - sì il nonché ha l'accento al contrario - ; eppoi c'è "il primo focus è riservato al contesto libico" mentre a pagina 3 abbiamo un "elevato know-how". Per quanto riguarda, invece, la pagina 4 abbiamo come "trend rilevati" un "Tavolo Tecnico Cyber".

sicurezza vimeoC'è poi un'altra cosa che, a proposito di Sicurezza nazionale, stupisce ed inquieta: una sezione video di informazione sulla sicurezza italiana su Vimeo, azienda statunitense con sede a New York di proprietà dello IAC/InterActiveCorp. 
Dopo tutto quel che ci ha spiegato e mostrato Edward Snowden, cablogrammi alla mano, sullo spionaggio, anche industriale, della National Security Agency statunitense nei confronti degli Alleati, c'è qualcuno, l'utente aziendale 18906687, che da due anni paga alla Vimeo 199 dollari l'anno per avere attualmente 29 video che parlano di come funziona il "Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica" e di cosa dicono i dirigenti di tale Sistema, su macchine statunitensi e con puntamento diretto al sito sicurezzanazionale.gov.it che, ovviamente, è anche in inglese.
Ma un sito sulla sicurezza di una comunità non dovrebbe essere esclusivamente nella lingua di quella comunità? Io ritengo fermamente di sì. Che almeno si faccia lo sforzo di apprendere la lingua di quella comunità per conoscere come essa ha organizzato la propria sicurezza!

L'arrivo in massiccia dose e in così eclatante posizione di anglicismi in documenti ufficiali persino della sicurezza nazionale, insieme all'imposizione massiccia del solo inglese fin dalla prima elementare da pare del governo, ci fa capire chiaramente che l'Italia è stata fatta entrata nella seconda, e penultima, fase dell'assimilazione anglofona: quella del perseguimento del bilinguismo, più o meno coatto. Se qualcuno non cercherà politicamente di correre immediatamente ai ripari, ci sarà laterza e ultima fase, in cui la generazione più giovane s'identificherà sempre di più con la lingua inglese, trovando l'italiano sempre meno rilevante. Accompagnando ciò con un sentimento di vergogna nell'usare la lingua italiana, sia da parte dei genitori, che faranno in modo d'anticipare alle materne la colonizzazione linguistica delle menti dei loro figli, sia da parte dei figli stessi.
Mano a mano quelle famiglie che continueranno ad usare esclusivamente la lingua italiana scopriranno che ci sono meno famiglie interessate a parlarla, e il suo utilizzo diventerà ripiegato su se stesso ed idiosincratico, risultando di fatto ormai un dialetto. Nell'arco di una generazione, a volte nell'arco di un decennio, un bilinguismo all'interno di una famiglia può scivolare in un semilinguismo cosciente di sé, e di là in un monolinguismo esclusivamente inglese.

Video

Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica italiana
Torna in alto

Popoli indigeni e tradizionali, minoranze

Tibet, le monache buddhiste: basta discriminazioni sessiste, vogliamo più diritti.

Tibet, le monache buddhiste: basta discriminazioni sessiste, vogliamo più diritti. In Tibet, nel cuore della tradizione e della religione buddhista, si combatte una lotta per la parità di genere: le monache...

24-08-2016

Europa e oltre novità

PGT RssScroller - Copyright © 2010 by pagit.eu

UNESCO

PGT RssScroller - Copyright © 2010 by pagit.eu

L'altra metà dell'Europa

PGT RssScroller - Copyright © 2010 by pagit.eu

UNESCO (Istruzione)

PGT RssScroller - Copyright © 2010 by pagit.eu

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Ente Servizio Civile Nazionale NZ02506
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato