Linguicidio al Politecnico: il Consiglio di Stato Ordina nuovi documenti e nuova udienza al 25 novembre 2014.

 

 

 

N. 01779/2014 REG.PROV.COLL.

N. 0515112013 REG.RIC.

 

REPUBBLICA ITALIANA

Il Consiglio di Stato, in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

 

ORDINANZA

sul ricorso numero  di registro generale 5151 del 2013, proposto da:

Ministero dell’istruzione dell'università  e della ricerca in persona  del ministro  in carica e Politecnico  di Milano in persona  del rettore  in carica, rappresentati e difesi dall'Avvocatura  generale della Stato, domiciliataria in Roma, via dei Portoghesi, 12;

contro

Adriana Angelotti, Anna  Maria Antola, Anna Anzani, Sergio Arosio, Cesare  Mario  Arturi,  Francesco  Augelli, Valeria  Bacchelli,  Arturo Baron,  Francesco  Basile, Giovanni  Baule, Eleonora  Bersani, Serena Biella, Antonello  Boatti,  Pellegrino  Bonaretti,  Marco  Barsotti, Federica    Boschetti,    Maria   Antonietta   Breda,    Maria   Agostina Cabiddu,  Enrico   Gianluca  Caiani,  Christian  Campanella,  Fabrizio Campi, Paola Caputo, Edoardo Carminati, Aldo Castellano, Graziella Leyla Ciaga, Maria Antonietta  Clerici, Luigi Pietro  Maria Colombo, Giancarlo    Consonni,  Emilia   Amabile   Costa,   Fiammetta    Costa, Stefano  Crespi  Reghizzi,  Giancarlo  Cusimano,  Alessandro   Dama, Aurora  Scotti Aurora,  Roberto  Giacomo  Sebastiana,  Maria Beatrice Servi, Francesco  Siliato, Maria Cristina Tanzi, Graziella Tonon, Raffaella  Trocchianesi,  Michele   Ugolini,  Ada   Varisco,   Vincenzo Varoli, Massimo Venturi Ferriolo, Daniele Vitale, Fabrizio Zanni, Salvatore Zingale,   Luca   Alfredo   Casimiro   Bruche',   Alessandro Antonio  Porta, Lorenzo De Stefani, Anna Caterina Delera, Valentina Dessi',  Luca  Maria  Francesco   Fabris,  Maria  Rita  Ferrara,  Simone Ferrari, Maria Fianchini, Mario Fossa, Marco Frontini, Gian Luca Ghiringhelli, Lorenzo Giacomini, Maria Cristina Gibelli, Elisabetta Ginelli, Giorgio Goggi, Elena Granata, Francesco Ermanno Guida, Franco  Guzzetti,  Maria Pompeiana Iarossi, Arturo  Sergio Lanzani, Marinella Rita Maria Levi, Andrea  Lucchini, Marco Lucchini, Cesira Assunta Macchia, Luca Fiero Marescotti, Emilio Matricciani, Stefano Valda Meille, Lorenzo Mezzalira, Laura Montedoro, Gianni  Ottolini, Antonella Valeria Fenati, Gianfranco Pertot, Paolo Pileri, Silvia Luisa Pizzucaro,  Marco  Politi, Gennaro Postiglione,  Fulvia Anna  Premoli, Maurizio Quadrio,  Procopio  Luigi Quartapelle,  Giuliana Ricci, Fabio Rinaldi,  Roberto   Rizzi, Michela  Rossi,  Raffaele  Scapellato,  Fausto Carlo Testa, Enrico  Tironi,  Maria Cristina Tonelli, Stefania Varvaro, Fabrizio Fanti, Cristina Tedeschi, rappresentati e difesi dagli avvocati Maria Agostina  Cabiddu  e Federico  Sorrentino, presso  quest'ultimo elettivamente  domiciliati in Roma, Lungotevere delle Navi 30;

per la riforma

della sentenza  del T.A.R. LOMBARDIA- MILANO: SEZIONE III n. 1348/2013, resa tra le patti, concernente approvazione linee strategiche di ateneo 2012-2014.

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Visti gli atti di costituzione in giudizio dei soggetti intimati, in epigrafe indicati;

Viste le memorie difensive; Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nell'udienza pubblica del giorno 11 marzo 2014 il consigliere Roberta Vigotti uditi per le parti l'avvocato  della Stato Giannini e 1’avvocato Cabiddu;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue;

Il Ministero dell'istruzione, dell'università e della  Ricerca e il Politecnico di Milano chiedono  la riforma  della sentenza, in epigrafe indicata, con la quale il Tribunale  amministrativo della Lombardia ha accolto   il ricorso   presentato  da  alcuni  docenti   avverso   la deliberazione  del Senato accademico  del21 maggio 2013, che ha reso obbligatorio  l’insegnamento in lingua inglese nei corsi eli laurea magistrale  e di  dottorato eli  ricerca  a partite  dall'anno  accademico 2014-2015, cosi interpretando l'obiettivo eli internazionalizzazione degli atenei previsto  dall'art. 2, comma  2, lettera 1) della legge 30 dicembre 2010, n. 240.

Il Collegio ritiene necessaria, al fine di decidere, acquisire agli atti la seguente documentazione, in originale o copia autentica:

- elenco completo degli insegnamenti compresi nel corso eli studi relativo alle lauree magistrali o ai dottorati eli ricerca esistenti presso il Politecnico di Milano, con la specificazione di quelli per i quali e previsto l'uso esclusivo della lingua inglese e eli quelli per quali sia eventualmente previsto l'affiancamento con corsi in lingua italiana;

-  relazione  di  chiarimenti, a  firma del rettore del politecnico di Milano e del ministro appellante, necessaria ad appurare l'attualità dell'interesse  all'appello, alia luce della deliberazione  del Senato accademico   di  cui  al  verbale   in  data 20 gennaio 2014 relativa all'offerta  formativa  2014-15  (dalla quale  risulta  che  dal giorno  16 gennaio  2014, "a  seguito  di una  modifica  nell'applicativo  ANVUR­MIUR per  l'offerta   formativa...e possibile  inserire  quale  lingua  di erogazione di un corso di studio anche la doppia lingua “italiano­ inglese”"  e circa i conseguenti  provvedimenti adottati,  in tal senso, per  i singoli  corsi  di laurea,  nonché  circa la durata  temporale  -se condizionata, o a regime- delle stessa modificazione;

- provvedimento di “modifica dell’applicativo ANVUR-MIUR”, con i  relativi  allegati anche  relativi  al  testa  dell’ “applicativo”  prima  e dopa  la modifica.

A tali adempimenti le Amministrazioni appellanti dovranno adempiere entro 90 giorni dalla comunicazione in via amministrativa della presente ordinanza.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta), non definitivamente pronunciando sull'appello in epigrafe indicato,  salva e riservata  ogni  ulteriore  pronuncia  in  rito,  in merito  e sulle spese, ordina alle Amministrazioni appellanti, ognuna  per la parte di propria competenza, di depositare  presso la segreteria della sezione la documentazione in motivazione  indicata,  nel perentorio termine  già precisato.

Rinvia l'ulteriore trattazione dell'appello alla pubblica udienza del 25 novembre 2014.

Ordina che la presente ordinanza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

Cosi deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 11 marzo 2014 con l'intervento dei magistrati:

Stefano Baccarini, Presidente,

Maurizio Meschino, Consigliere,

Gabriella De Michele, Consigliere,

Roberta Vigotti, Consigliere, Estensore,

Carlo Mosca, Consigliere.

 

 

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 11/04/2014

 

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

 

 

 

Torna in alto

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato