La destra europea si salda a Coblenza. In evidenza

La destra europea si salda a Coblenza.

La destra europea si salda a Coblenza. Al via l`anno (elettorale) dei «patrioti»
La più applaudita è la francese Marine Le Pen, che arringa contro la globalizzazione
Sulla scia degli Usa Trump ha aperto la strada. L`olandese Wilders: «Il genio nella bottiglia non ci rientra»
Marco Cremonesi | Corriere della Sera | 22.01.2017

COBLENZA (GERMANIA) «Se siete qui così in tanti, vuol dire che avete capito che sta succedendo qualcosa di importante». Marine Le Pen si rivolge alla sala stampa traboccante di giornalisti. È il primo, vero appuntamento pubblico degli euroscettici orgogliosamente populisti, i partiti che a Strasburgo formano il gruppo Europa delle nazioni e della libertà (Enf). Ieri, tutti insieme a Coblenza, per rinnovare il loro patto e proclamare il 2017 «anno dei patrioti». Quello dell`«appuntamento con la storia», come dice Geer Wilders, che a metà marzo con il suo Pvv potrebbe essere il trionfatore delle elezioni olandesi. Per le destre nemiche dell`Unione, euforizzate dalla Brexit e dalla vittoria di Donald Trump, i12017 sarà insomma la data in cui sfonderanno i muri ed entreranno nelle stanze dei bottoni, quelle da cui si pilota anche Bruxelles. Oltre che in Olanda con Wilders, in Germania con Frauke Petri di Alternative fiir Deutschland (Afd) e soprattutto in Francia: a maggio Marine (che in campagna elettorale vuole essere chiamata così, soltanto con il nome) ten- terà la difficile scalata all`Eliseo. A ogni buon conto, per la sua corsa elettorale ha affittato un quartier generale nella stessa strada del palazzo presidenziale, me di Faubourg Saint Honoré. E poi c`è Matteo Salvini, che non si stanca di chiedere elezioni già a giugno: «Vinceremo. E allora, prima dell`estate avremo i tre Paesi fondatori dell`Europa - Francia, Italia e Germania - con governi in grado di rifare l`Europa da capo a fondo». La vittoria di «The Donald» è il regalo che nemmeno loro si aspettavano, il segno «che il tappo è saltato». L`immagine è di Wilders: «Una volta fuori, il genio nella bottiglia non ci rientra». Il simbolo, dicono a Coblenza, delle lotta vittoriosa dei cittadini e del popolo contro le élites. Della «democrazia contro la burocrazia» come dice Le Pen. Sintetizza Petry: «Il successo di Trump ha aperto una strada là dove c`era un vicolo cieco». Il neopresidente americano è anche il simbolo dei «dazi contro la globalizzazione», dicono molti. Non tutti: proprio tra i tedeschi di Afd, non sono mancate le polemiche per un evento a fianco di Le Pen, considerata troppo socialista tra gli ultra liberisti del partito. In realtà, il discorso di Marine è stato di gran lunga il più applaudito, e seguito da una lunghissima standing ovation: «Tutti i popoli europei sono sotto tirannia, quella di un`oligarchia finanziaria fatta da piccoli uomini». Ma è curioso osservare che le due leader populiste più im- portanti, lei e Petry, siano donne quasi isolate in una platea a stragrande maggioranza maschile. In qualche modo, i populisti stanno anche tentando di modificare la loro immagine. Dipinti come antidemocratici, loro si dicono i «veri difensori della democrazia». Perché, spiega ancora Le Pen, «il volere il ritorno delle nazioni è quello di cui hanno paura i sostenitori della globali7zazione. I veri antidemocratici sono quelli che non vogliono farci scegliere». Anche se fuori dall`Auditorium di Coblenza si sono riunite diverse migliaia di oppositori che esibiscono sagome di Hitler e Mussolini. Salvini porta una scheggia di politica interna, spiegando che in Italia e Germania stanno nascendo «finti leader o movimenti anti-sistema che sono strumenti creati ad arte dal sistema stesso per dividerci e per intercettare e ammansire il dissenso». Un riferimento, con ogni probabilità, al Movimento 5 stelle. I toni and immigrati, ieri non sono stati troppo toccati. Forse chi ne ha parlato di più è stato proprio Salvini. Che iniziando il suo intervento in inglese (ma ha proseguito in italiano), ha spiegato agli alleati che «in Italia oggi ci sono 5o mila italiani senza luce, senza acqua e senza gas e 176 mila non italiani ospitati in albergo. I cali this madness», chiamo questo follia. Ma l'apoteosi sullargomento l'ha raggiunta la Le Pen irridendo di fronte al pubblico tedesco «Angela Merkel, che adesso vuole farsi passare per un`eroina umanitaria».

Torna in alto

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato