Brexit: il governo presenta il Libro Bianco sui negoziati per l'uscita dalla Ue. In evidenza

Brexit: il governo presenta il Libro Bianco sui negoziati per l'uscita dalla Ue.

I punti della Brexit
Il governo presenta il Libro Bianco sui negoziati per l'uscita dalla Ue "Linea dura e nuovi accordi con i Paesi. Ma garantiremo i lavoratori"
ALESSANDRA RIZZO, LA STAMPA | 3 febbraio 2017 

Dodici punti e 77 pagine, per illustrare la strategia e gli obiettivi del governo di Theresa May nei negoziati per il divorzio dall`Unione europea. Il «Libro Bianco» presentato in Parlamento conferma il progetto di Londra di una «hard Brexit», un taglio netto dal blocco che prevede l`uscita dal mercato unico e la promessa di riprendersi il controllo delle frontiere e delle leggi, ma anche di garantire i diritti dei cittadini comunitari già residenti nel Paese. «I giorni migliori sono davanti a noi», ha detto ai Comuni il ministro per la Brexit, David Davis, confermando il piglio ottimista (secondo alcuni anche troppo) del governo.
Il «White Paper», sulla cui pubblicazione Downing Street ha tentennato per settimane, è piuttosto succinto per un documento del genere e non contiene novità rispetto al discorso programmatico con cui May aveva illustrato i piani del governo il mese scorso. Ma la premier era finita sotto pressione da parte di chi chiedeva un ruolo attivo del Parlamento in un momento cruciale nella storia del Paese. E cerca così di dimostrare che è pronta a tenere informati i deputati e coinvolgerli, almeno formalmente, in vista dei negoziati. Per l`opposizione laburista, il documento non offre nulla di nuovo e arriva troppo tardi per consentire un vero dibattito. May ha già detto che darà avvio alle procedure formali di divorzio entro la fine di marzo, invocando l`Articolo 50 del Trattato di Lisbona. «Questo documento non dice nulla», ha detto il ministro ombra per la Brexit, Keir Starmer. «E inaccettabile, così si sminuisce il ruolo di questa Camera». Ma finora, il Labour di Jeremy Corbyn ha messo su una resistenza assai flebile ai piani del governo sulla Brexit. Il documento ribadisce la visione di un Regno Unito «globale» e le intenzioni del governo per una «partnership strategica» con l`Ue e per un accordo che consenta uno scambio di merci e servizi il più libero possibile. Spiega che una delle prime priorità del governo è garantire lo status dei circa 3 milioni di cittadini comunitari che vivono nel regno, compresi centinaia di migliaia di italiani. Davis ha assicurato che Downing Street non ha alcuna intenzione di «buttare le persone fuori dalla Gran Bretagna». Ma né il ministro né il documento offrono dettagli sulla strategia del governo, che dovrà anche garantire i diritti reciproci di circa 900mila britannici sparsi per il Continente. Il documento arriva nel giorno in cui la Banca d`Inghilterra ha aggiornato al rialzo le stime per la crescita del Pil per quest`anno, ora indicate al 2% rispetto all`1,4% previsto precedentemente. Ciò nonostante, ha aggiunto il governatore Mark Carney, questo «non vuol dire che il referendum non abbia conseguenze», spiegando che «l'incertezza sull'assetto futuro sta pesando sugli investimenti».

1) GARANTIRE. Il massimo della certezza e della chiarezza possibile nell`approccio ai negoziati con gli Stati per l'Uscita dalla Ue.
2) RIPRENDERE. Il controllo delle nostre leggi, mettendo fine alla giurisdizione della Corte di Giustizia dell`Unione Europea sul Regno Unito.
3) RAFFORZARE. L'unione britannica, definendo un patto per l`intero Regno, tenendo fede all`accordo di Belfast (pace in Irlanda).
4) TUTELARE. I legami con l`Irlanda, conservando l`area di «common travel» con soluzioni pratiche che garantiscano i migranti.
5) CONTROLLARE. L`immigrazione, incluso il numero dei cittadini dei Paesi dell`Unione europea che entrano nel Regno Unito.
6) ASSICURARE. I diritti dei cittadini Ue residenti nel Regno Unito e dei cittadini britannici residenti nei Paesi Ue «quanto prima possibile».
7) PROTEGGERE. I diritti vigenti dei lavoratori, non sovvertire le regole che regolano il mercato del lavoro e accrescere le tutele.
8) REALIZZARE. Un'uscita liscia e ordinata dalla Ue, con l'attuazione di nuovi accordi tra la Gran Bretagna e gli Stati europei.
9) COOPERARE. Nella lotta contro il terrorismo, per preservare con la Ue la sicurezza europea e la giustizia nel mondo.
10) ASSICURARE. Che il Regno Unito sia il luogo migliore per scienza e innovazione, collaborando con i partner della Ue.
11) DEFINIRE. Nuovi accordi commerciali con altri Paesi, secondo una strategia ambiziosa di libero scambio nel mondo.
12) GARANTIRE. Il libero commercio sui mercati europei, con una nuova partnership: accorcio di libero scambio con la Ue.

Video

Torna in alto

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Ente Servizio Civile Nazionale NZ02506
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato