Lingua e integrazione. In evidenza

Lingua e integrazione.

Il progetto.

Al Cara di Mineo in 1.600 a scuola per leggere e scrivere in italiano.

Scuola e lavoro. È la parola d’ordine che si cerca di insegnare al Cara di Mineo. E dei circa tremila ospiti sono almeno 1.600 quelli che frequentano le 42 classi aperte all’interno della struttura. La frequenza non è obbligatoria, ma le lezioni si
tengono dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 14 e dalle 15 alle 17, con distribuzione nella classi legate a conoscenze personali e capacità di apprendimento. Un corso a parte, per esempio, è stato tenuto per due analfabeti. Tra i banchi è seduto anche Maxwell, 21 anni, nigeriano, da tre mesi al Cara di Mineo. Parla l’inglese, e già dice qualcosa nella nostra lingua. «Per me è importante parlare l’italiano dice in inglese - perché voglio farmi capire e devo capire quello che mi dicono. Ho imparato per primo a contare: e dico - aggiunge in italiano - uno, due, tre, quattro... piano piano... Io sono Mawell, sono nigeriano, io sono straniero... grazie, grazie, grazie...» «Noi ci prendiamo cura di loro - mI spiega una delle vicedirettrici del Cara, Ivana Galanti - cerchiamo di fargli superare il trauma che hanno vissuto prima, durante e dopo il viaggio.
La scuola è un momento importante, noi ne siamo certi e anche loro, visto che partecipano assiduamente alle lezioni. Chi comincia non lascia, mai. La lingua è il primo strumento per l’integrazione e noi vogliamo dare valore al loro tempo».
(Da Il Messaggero, 6/8/2017).

Migranti. I servizi qualificati per fare integrazione (con i fondi statali) prevalgono al Sud.

Lingua, lavoro, corsi: solo il 5% dei sindaci fa accoglienza doc.

Sprar frenato da carenze progettuali e di strutture ma anche dal dissenso.

I Comuni evitano l’accoglienza qualificata, finanziata dallo Stato, inclusiva di formazione e integrazione, dei migranti. Quella che si chiama anche «accoglienza integrata» ed è rappresentata dallo Sprar (sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati): si trova solo nel 5% dei centri urbani in Italia. La denuncia arriva da una ricerca della Fondazione Leone Moressa: «Meno del 15% dei migranti accolti in Italia è ospitato in centri Sprar» si legge nel documento. Eppure i Comuni avrebbero tutto l’interesse a dare seguito a questo sistema. L’adesione è volontaria. Consente l’accesso al Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo. Prevede l’istruzione degli immigrati adulti, a partire dalla lingua, l’iscrizione a scuola dei minori migranti, «servizi volti all’inserimento socioeconomico delle persone» attraverso «percorsi formativi e di riqualificazione professionale per promuovere l’inserimento lavorativo» come si legge sul sito www.sprar.it. Un’architettura dove il ministero dell’Interno, l’Anci (Associazione nazionale Comuni d’Italia), i singoli centri urbani, gli altri enti territoriali e il terzo settore condividono e coordinano i progetti. E i Comuni sono comunque i protagonisti.
Le statistiche elaborate dalla Fondazione Moressa, tuttavia, sono sconfortanti. I dati presi a riferimento sono gli ultimi resi disponibili sull’accoglienza dal dicastero guidato da Marco Minniti, aggiornati al 23 gennaio. Annoverano 175.500 migranti accolti in Italia, oggi siamo a quota 200mila circa. Anche perché al 4 agosto, secondo il Viminale, sono giunti dall’inizio dell’anno 95.811 immigrati (-3,24%). Ma da gennaio a oggi l’incremento nell’ospitalità di richiedenti è quasi tutto in capo ai Cas, i centri di assistenza temporanea: ricercati in fretta e furia dai prefetti, obbligati a distribuire la quota di migranti destinata dal Viminale dopo ogni sbarco. Nei Cas, dunque, c’è la quasi totalità dell’accoglienza dei 3.183 Comuni- su 8mila - finora impegnati nell’ospitalità dei richiedenti asilo e rifugiati. Qualche segnale positivo sembra arrivare: si parla di 153 nuovi progetti, che coinvolgono 350 Comuni, a tre mesi dall’ultimo bando Sprar. Il paradosso – solo apparente - è che grazie alla «clausola di salvaguardia» della direttiva n ottobre 2016 dell’allora ministro Angelino Alfano, poi confermata da Minniti, i centri urbani disponibili a entrare nello Sprar non possono vedersi imporre dalle prefetture nuovi Cas. La realtà tuttavia ha un’altra faccia: per troppi sindaci è meglio mostrare di subire gli atti del prefetto che esporsi in prima persona sui migranti.
Tra i primi 15 Comuni con maggior ipresenze nello Sprar prevale il Sud: come ricorda la Fondazione Moressa sono «quattro in Sicilia, tre in Calabria e in Campania, due in Puglia e nel Lazio». A Riace (Reggio Calabria) l’incidenza maggiore con 175 migranti di un progetto Sprar su una popolazione di 2.345 abitanti. Segue Vizzini (Catania), con 344 migranti su 6.164 abitanti e S. Caterina dello Ionio (Catanzaro) con 57 migranti su 2.194 abitanti. M.Lud.
(Da Il Sole 24 Ore, 6/8/2017).

Torna in alto

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato