Dal tanto odiato burocratese a un ancora più odiato itanglese. In evidenza

Dal tanto odiato burocratese a un ancora più odiato itanglese.

I neologismi sono un male necessario?

di Francesca R. Cicetti

Una lingua reattiva è un bene: l’ostinata modernizzazione forzata non lo è. Altrimenti si rischia di finire dalla padella alla brace, dal tanto odiato burocratese a un ancora più odiato itanglese: è anche questo un neologismo, ma estremamente efficace.
Da settant’anni almeno non ci aspettiamo che la lingua italiana resista stoicamente agli innesti e alle contaminazioni straniere. Non pensiamo certo a chiamare “amburghese” un buon panino di carne; inorridiamo al pensiero del “calcolatore” su cui navigare in internet. A nessuno piacciono le chiusure, ma al tempo stesso avvertiamo uno stringente senso di irritazione nell’ascoltare, in diretta televisiva, i giornalisti discutere di “contractors” che operano nel “compound offshore”. Per non parlare della diffidenza attorno ai neologismi. Rabbrividiamo al sentire “sindaca” o “buonismo”. “Leaderizzare” o “postare” ci provocano l’orticaria. Insomma, qualche contaminazione ci sembra naturale: troppe, no.
Siamo più fedeli alla nostra lingua di chiunque altro. Eppure, smettere di reagire agli stimoli esterni non rende la lingua più viva. Al contrario, la seppellisce. Faremmo bene ad abituarci a parlare di “moderazione”, “orrorismo” e “sviluppiamo”. Di tutte quelle espressioni spontanee, nate da una penna intelligente o da un commento estemporaneo. Non pensate a tavolino, né per resistere. Ma che, alla fine, sopravvivono agli anni. Sono tra noi, e molte lo saranno per parecchio tempo: vale la pena provare ad accoglierle.
All’inglese, poi, è quasi impossibile resistere. “In primis”, perché è la lingua della comunità internazionale, della finanza, della stragrande maggioranza delle riviste scientifiche. E poi, forse ancor più, è la lingua di internet. O del “web”, come si dice. E questo è concesso. Intollerabile è invece la smania di inglesizzare dove non c’è necessità.
E qui non ci si preoccupa delle chiacchiere da bar, ma della politica, dove l’inglese si insinua come una serpe e conquista il posto d’onore nel nostro lessico quotidiano. Perché discutiamo di “Jobs Act”, e non di riforma del lavoro? E da quando si parla di “quantitative easing”? L’immissione di liquidità non è già in italiano un concetto sufficientemente sfuggente? Quando abbiamo deciso di renderlo ancora più inafferrabile?
Una lingua reattiva è un bene: l’ostinata modernizzazione forzata non lo è. Altrimenti si rischia di finire dalla padella alla brace, dal tanto odiato burocratese a un ancora più odiato “itanglese” – è anche questo un neologismo, e stavolta efficace. Il risultato, in entrambi i casi è lo stesso: sconfortante confusione, e comprensione ai minimi livelli.
D’altro canto, non si può pretendere un parere sulla “stepchild adoption”, sull’”accountability” o sul “whistleblowing”, se nessuno ha ben chiaro di che si tratta. Certo, nessuno ammette di non sapere cosa sia il “wealth management”, o che la “user-friendliness” non sia poi così amichevole. E il vero t”rojan horse” sembra essere il nostro desiderio di apparire “smar”t, più per vezzo che per reale necessità. Insomma, chi dice che “il meeting era low-quality e lo staff in attesa della deadline aspettava il break” non merita alcun rispetto. E di sicuro non porta alcun bene alla causa di una lingua ferita.
Reattività è la parola d’ordine: ovvero neologismi sì, inglesismi sì, prestiti anche. Ma lasciamo fuori gli inutili sfoggi di vanità. Parlare per non essere compresi non è un merito, ma un ingenuo palliativo per il nostro senso di inferiorità. E continuare su questa strada non ci renderà più “cool”.
(Da europinione.it, 16/3/2017).

Torna in alto

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Ente Servizio Civile Nazionale NZ02506
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato