Classico 2017, festival dedicato alla lingua italiana. In evidenza

Classico 2017, festival dedicato alla lingua italiana.

Classico 2017, festival dedicato alla lingua italiana.

Terza edizione per “Classico”, il festival dedicato alla lingua italiana. Al centro degli incontri ci sarà il dialogo in tutte le sue forme, da quello letterario a quello artistico, cinematografico, televisivo, giornalistico e teatrale, si svolgerà principalmente dal 16 al 18 giugno, a Canelli, con conferenze e incontri allestiti a Palazzo Giuliani, nel centro storico della città, e alle Cantine Bosca, partners della rassegna e le cui antiche strutture sotterranee, dove ancora si affinano vini e spumanti, sono Patrimonio dell’Umanità nell’ambito del 50° sito Unesco che coinvolge i Paesaggi Vitivinicoli Piemontesi di Langhe-Roero e Monferrato.
Con il consueto format già proposto nelle edizioni passate, ci sarà un “fuori Festival” che proporrà eventi ogni mese fino a dicembre 2017.
Anche quest’anno l’organizzazione è stata curata dell’associazione culturale “Classico” presieduta da Gianmarco Cavagnino, direttore organizzativo del festival, che raccogliere volontari e appassionati di lingua e letteratura italiane.
Direttore artistico è lo scrittore canellese Marco Drago che spiega: «Classico 2017 si intitola “Dialoghi” ed è idealmente il seguito di Classico 2016, che era dedicato alla traduzione.
Il dialogo, come la traduzione, è uno strumento di confronto e di superamento delle barriere.
Ma “dialogo” ha anche un’accezione prettamente tecnica: in forma di dialogo, infatti, si svolgono le interviste per la carta stampata e per gli altri mezzi di comunicazione; in forma di dialogo si scrivono le sceneggiature dei film e delle serie tv; in forma di dialogo si mettono in scena le opere teatrali.
Ognuna di queste forme di dialogo è molto diversa dal dialogo reale che avviene nella vita di tutti i giorni tra le persone: la trascrizione puntuale di un vero dialogo non crea un testo dotato di senso (vedi gli sbobinamenti delle intercettazioni telefoniche, spessissimo travisabili se non del tutto incomprensibili).
Gli ospiti di questa edizione ci parleranno dunque di come si pensa e si costruisce un dialogo fittizio che sembri vero. Sceneggiatori, registi, autori televisivi, giornalisti ci racconteranno quello che sanno su questa particolarissima forma di scrittura».
Tra le particolarità della tre giorni di giugno (il programma del Fuori Festival è ancora in fase di elaborazione e sarò comunicato appena definito) da segnalare anche un evento pre-festival che si svolgerà a Milano, il 18 maggio. Dalle 20,30 nel locale enoteca “Il Secco” che si trova nella zona dei Navigli e propone quasi solo esclusivamente spumanti metodo classico, Marco Drago presenterà il programma del Festival Classico alla stampa nazionale e l’eno-scrittrice Anita Franzon parlerà di Mario Soldati, lo scrittore, regista e giornalista piemontese che a partire dagli Anni Cinquanta per primo dedicò opere di divulgazione alla cultura del vino e alla civiltà contadina.
Novità di quest’anno anche il fatto che alcuni autori scriveranno dialoghi appositamente per il festival canellese. I testi verranno poi interpretati in pubblico da attori.
Come per le altre edizioni il Festival si sposterà anche nei paesi della zona. 
Sono previsti eventi al Castello di Moasca, centro agricolo e vitivinicolo a pochi chilometri da Canelli con un suggestivo castello da cui si gode una vista mozzafiato sui vigneti.
Incontri, come le altre due passate edizioni, anche al Parco Artistico La Court di Castelnuovo Calcea, il museo esposizione tra i vigneti voluto dalla maison vitivinicola Michele Chiarlo
Qui di seguito il programma di Classico 16/17/18 giugno 2017

Pre Festival

giovedì 18 maggio

Milano, Enoteca Il secco
ore 20,30
Presentazione del Festival [clàs,si.co] edizione 2017:
Marco Drago (direzione artistica) e Gianmarco Cavagnino (GMC direzione organizzativa)
Vino al vino, il classico di Mario Soldati al secco:
Anita Franzon (sommelier ed eno-scrittrice)

16 giugno

[Canelli, palazzo G.B. Giuliani]
ore 21.00
tre dialoghi da tre autori:
Abbiamo invitato tre autori a scrivere tre dialoghi per [clàs.si.co]
Claudia Durasanti (scrittrice e traduttrice)
Ivano Porpora (autore e scrittore)
Gaetano Cappa (autore, regista radiofonico e musicista)
e due autori a leggerli
Irene Timpanaro
Jacopo Fracasso

17 giugno

[Canelli, palazzo G.B. Giuliani]
ore 15.00
dialoghi delle serie TV:
surreali, classici, sperimentali, ribelli, moderni, spregiudicati…
Stefano Sardo (sceneggiatore e musicista)
ore 16.30
dialoghi psicologici e mentali:
l’ascolto di sé e dell’altro
Michele Scarzella (psichiatra)
dialoghi con le voci interiori
Filippo Bellavia (psicoanalista)
dialoghi medico-paziente
ore 18.00
dialoghi del cinema
Quali i segreti per rendere spesso memorabili i dialoghi dei film?
C’è differenza nei dialoghi per cinema e tv?
I migliori dialoghi del cinema italiano.
Lucio Pellegrini (regista cinematografico e televisivo)
ore 21.30
il ruolo della spalla comica
Come scrivere e “servire” la battuta giusta al comico, per esaltarne ritmo e personalità. Il fondamentale ruolo della “spalla” nella comicità italiana.
Andrea Zalone (autore televisivo e attore)
Introdotto da Alessandro Trocino (giornalista del Corriere della Sera)

18 giugno

[Canelli, palazzo G.B. Giuliani]
ore 15.00
le interviste nei talk show
Perché le domande fanno tanta paura?
Come si preparano le interviste nell’era dei monologhi.
Ivan Carozzi (autore televisivo e scrittore)
ore 16.30
italiano-inglese, un dialogo difficile
Che lingua parliamo? Italiano o Itanglese?
Il numero delle parole inglesi che ogni anno entrano nella nostra lingua è in crescita e l’insofferenza di molti italiani aumenta.
Che fare?
Valeria Della Valle (linguista, docente Università La Sapienza di Roma)
ore 18.00
dall’interno della specie:
Andrea De Alberti (poeta)
(Da gazzettadasti.it, 8/5/2017).

 

 

 

Torna in alto

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato