Scuola. Italiano vs inglese all’università, cosmopolitismo o provincialismo? Giuseppina La Face. In questi mesi giornali e media hanno trattato due... continua >

La vicepresidente Barni all’incontro con la linguista Elana Shohamy. “Un lungo lavoro di ricerca condivisa in tema di politiche linguistiche, e una l... continua >

Così ho insegnato agli alunni ad amare la lingua italiana. Annamaria Fassio email. Sono una insegnante elementare in pensione e scrittrice di gialli... continua >

Perù, compagnia petrolifera si ritira su pressione internazionale: vittoria per i popoli indigeni. In Perù ci sono 212 conflitti sociali, di cui la m... continua >

A Siena dal 7 al 9 aprile «Parole in cammino» la lingua italiana al tempo di «petaloso». Un percorso sull’italiano fra passato, presente e futuro: co... continua >

Trump: bufera sul termine “cafone”, per il Corriere Canadese “nessun razzismo”. Il Corriere Canadese, storico quotidiano della comunità italiana nei ... continua >

Prof del carcere minorile di Nisida tra le insegnanti migliori d’Italia. È Consolata Maria Franca, al secondo posto insieme ad altre tre colleghe Il... continua >

In Italia si moltiplicano, ma l’accesso è difficile. Corsi in inglese, la grande chance di arrivare prima. Ma la Corte costituzionale ha bocciato gl... continua >

Maria Agostina Cabiddu - Lettera (M. Cabiddu). Al direttore - Il 7 marzo questo giornale ha pubblicato un’intervista a Sabino Cassese sulla sentenza ... continua >

I neologismi sono un male necessario? di Francesca R. Cicetti Una lingua reattiva è un bene: l’ostinata modernizzazione forzata non lo è. Altrimenti... continua >

Torna l'Esperanto per gli 80 anni di Papa Francesco. Forse il fintotontismo dei "negrieri" della mente potrà essere arginato. In evidenza

Torna l'Esperanto per gli 80 anni di Papa Francesco. Forse il fintotontismo dei "negrieri" della mente potrà essere arginato.

Si cominciano ad intravedere i primi effetti dell'incontro col Nunzio Apostolico a New York e dell'Appello a Papa Francesco - la cui Segreteria è stata finora raggiunta da 608 appelli - per far tornare l'Esperanto in Vaticano e sostenere la lingua della nonviolenza nel dialogo tra le fedi e tra gli Stati.

In occasione degli ottanta anni di Papa Francesco, infatti, è stata diffusa da Radio Vaticana l’immagine del Papa con accanto la sua esortazione a pregare per lui in varie lingue tra le quali compare l’Esperanto “Preĝu por mi!”, proprio sopra il "Pregate per me" in italiano, alla sinistra di chi guarda e alla destra di Papa Bergoglio.

Ora auspichiamo che torni l'Esperanto per la tradizionale Benedizione Urbi et Orbi, come per primo fece Giovanni Paolo II durante la Marcia del Partito Radicale nella Pasqua del 1994.  

Papa Bergoglio riteniamo abbia, però, una sensibilità per i poveri e i diseredati del mondo, più acuta di Giovanni Paolo II. Ecco perché insisteremo affinché vi sia una reazione adeguata di Papa Francesco al nuovo schiavismo, quello delle menti.

Schiavismo delle menti messo in atto con lucida determinazione almeno dal 1943, anno in cui Churchill, sostenuto nel merito da Roosevelt, ebbe a dire agli studenti dell'Università di Harvard:«Il potere di dominare la lingua di un popolo offre guadagni di gran lunga superiori che non il togliergli province e territori o schiacciarlo con lo sfruttamento. Gli imperi del futuro sono quelli della mente».
Ebbene, oggi, la liberazione dallo schiavismo delle menti passa da qui: dal promuovere a livello transnazionale, in tutte le sedi possibili, l'Esperanto come lingua della nonviolenza, del dialogo, dell’incontro, della speranza - come dice il suo nome e come era nell'intento del suo ideatore -. In un mondo dove sembra si voglia far prevalere violenza, emarginazione, esclusione e disperazione, anche ad opera di persone ed organismi che, se da una parte si dicono costruttori e volontari di pace, dall'altra la demoliscono con un fintotontismo non più accettabile, mentendo e imbrogliando il prossimo a sostegno di una dimensione "neutrale" e "necessaria" dell'inglese che non solo non ha ma che, invece, è tesa a nazionalizzare linguisticamente in inglese gli  altri popoli, a partire dal proprio.
Avviare con l'affermazione de “La lingua comune della specie umana”  un percorso verso la pace, la fratellanza ed il benessere dell’umanità oggi non solo è possibile ma urgente prima che il nuovo "diluvio universale" affoghi le menti degli uomini e delle donne di buona volontà.

Dichiarazione di Giorgio Kadmo Pagano, Segretario della Esperanto Radikala Asocio onlus

Torna in alto

Popoli indigeni e tradizionali, minoranze

Perù, compagnia petrolifera si ritira su pressione internazionale: vittoria per i popoli indigeni.

Perù, compagnia petrolifera si ritira su pressione internazionale: vittoria per i popoli indigeni. In Perù ci sono 212 conflitti sociali, di cui la maggior parte sono di tipo socio-ambientale. È in...

27-03-2017

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Ente Servizio Civile Nazionale NZ02506
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato