Scuola. Italiano vs inglese all’università, cosmopolitismo o provincialismo? Giuseppina La Face. In questi mesi giornali e media hanno trattato due... continua >

La vicepresidente Barni all’incontro con la linguista Elana Shohamy. “Un lungo lavoro di ricerca condivisa in tema di politiche linguistiche, e una l... continua >

Così ho insegnato agli alunni ad amare la lingua italiana. Annamaria Fassio email. Sono una insegnante elementare in pensione e scrittrice di gialli... continua >

Perù, compagnia petrolifera si ritira su pressione internazionale: vittoria per i popoli indigeni. In Perù ci sono 212 conflitti sociali, di cui la m... continua >

A Siena dal 7 al 9 aprile «Parole in cammino» la lingua italiana al tempo di «petaloso». Un percorso sull’italiano fra passato, presente e futuro: co... continua >

Trump: bufera sul termine “cafone”, per il Corriere Canadese “nessun razzismo”. Il Corriere Canadese, storico quotidiano della comunità italiana nei ... continua >

Prof del carcere minorile di Nisida tra le insegnanti migliori d’Italia. È Consolata Maria Franca, al secondo posto insieme ad altre tre colleghe Il... continua >

In Italia si moltiplicano, ma l’accesso è difficile. Corsi in inglese, la grande chance di arrivare prima. Ma la Corte costituzionale ha bocciato gl... continua >

Maria Agostina Cabiddu - Lettera (M. Cabiddu). Al direttore - Il 7 marzo questo giornale ha pubblicato un’intervista a Sabino Cassese sulla sentenza ... continua >

I neologismi sono un male necessario? di Francesca R. Cicetti Una lingua reattiva è un bene: l’ostinata modernizzazione forzata non lo è. Altrimenti... continua >

L’ERA aderisce alla Marcia per l'Amnistia, la Giustizia, la Libertà indetta dal Partito Radicale. In evidenza

L’ERA aderisce alla Marcia per l'Amnistia, la Giustizia, la Libertà indetta dal Partito Radicale.
L’ERA aderisce alla Marcia per l'Amnistia, la Giustizia, la Libertà indetta dal Partito Radicale.
 
Ancora una volta l’Associazione Radicale Esperanto marcerà il prossimo  6 novembre con il Partito Radicale verso Piazza San Pietro.
Nella Pasqua del 1994, in occasione di un'altra marcia del Partito Radicale, con le parole “Non c’è pace senza giustizia”, ci rivolgevamo a Giovanni Paolo II perché volesse adottare la  Lingua Internazionale detta Esperanto nella benedizione Urbi et Orbi e ci siamo ritrovati ad applaudire, in quella stessa piazza, la risposta positiva a quella richiesta. 
Oggi, con le parole "Non c'è pace senza giustizia linguistica" marciamo nel nome di Marco Pannella - l’unico politico che si è speso per l’adozione dell’Esperanto, quale lingua federale, in Europa, e lingua comune della specie umana alle Nazioni Unite - e nel nome di Papa Francesco, così attento all’ambiente, anche culturale. 
Al Pontefice chiediamo il sostegno per la lingua della nonviolenza, seconda lingua di/per tutti e per ciò stesso, preservatrice della biodiversità culturale. Un obiettivo trasversale oggi imprescindibile sia per affrontare le dimensioni economiche, sociali e religiose della povertà - liberando risorse economiche e mentali inimmaginabili - sia per fornire soluzioni innovative di questioni complesse: dalla salute all’ambiente, dalla preservazione della biodiversità linguistico-culturale del pianeta alla promozione dell'educazione internazionale equa e di qualità per tutti.
 
Torna in alto

Popoli indigeni e tradizionali, minoranze

Perù, compagnia petrolifera si ritira su pressione internazionale: vittoria per i popoli indigeni.

Perù, compagnia petrolifera si ritira su pressione internazionale: vittoria per i popoli indigeni. In Perù ci sono 212 conflitti sociali, di cui la maggior parte sono di tipo socio-ambientale. È in...

27-03-2017

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Ente Servizio Civile Nazionale NZ02506
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato