Scuola. Italiano vs inglese all’università, cosmopolitismo o provincialismo? Giuseppina La Face. In questi mesi giornali e media hanno trattato due... continua >

La vicepresidente Barni all’incontro con la linguista Elana Shohamy. “Un lungo lavoro di ricerca condivisa in tema di politiche linguistiche, e una l... continua >

Così ho insegnato agli alunni ad amare la lingua italiana. Annamaria Fassio email. Sono una insegnante elementare in pensione e scrittrice di gialli... continua >

Perù, compagnia petrolifera si ritira su pressione internazionale: vittoria per i popoli indigeni. In Perù ci sono 212 conflitti sociali, di cui la m... continua >

A Siena dal 7 al 9 aprile «Parole in cammino» la lingua italiana al tempo di «petaloso». Un percorso sull’italiano fra passato, presente e futuro: co... continua >

Trump: bufera sul termine “cafone”, per il Corriere Canadese “nessun razzismo”. Il Corriere Canadese, storico quotidiano della comunità italiana nei ... continua >

Prof del carcere minorile di Nisida tra le insegnanti migliori d’Italia. È Consolata Maria Franca, al secondo posto insieme ad altre tre colleghe Il... continua >

In Italia si moltiplicano, ma l’accesso è difficile. Corsi in inglese, la grande chance di arrivare prima. Ma la Corte costituzionale ha bocciato gl... continua >

Maria Agostina Cabiddu - Lettera (M. Cabiddu). Al direttore - Il 7 marzo questo giornale ha pubblicato un’intervista a Sabino Cassese sulla sentenza ... continua >

I neologismi sono un male necessario? di Francesca R. Cicetti Una lingua reattiva è un bene: l’ostinata modernizzazione forzata non lo è. Altrimenti... continua >

Il partito della nonviolenza a Ventotene per chiedere l'esercito e non la lingua comune. In evidenza

Il partito della nonviolenza a Ventotene per chiedere l'esercito e non la lingua comune.

Il partito della nonviolenza a Ventotene per chiedere l'esercito e non la lingua comune.

Dichiarazione di Giorgio Pagano, Segretario dell'Associazione radicale Esperanto e Responsabile del PRNTT per la Campagna della lingua comune della specie umana.

Non finisce mai di meravigliare, questo Partito Radicale post Pannella. Certo è, però, con mozioni che parlano di lingua comune della specie umana e di necessità di una lingua federale europea fin dal 1993, stupisce non poco il fatto che, anziché farsi portatori dell'istanza di una delle più antiche e consolidate battaglie del PRNTT, quella dell'affermazione dell'equo dialogo transnazionale, di una lingua della nonviolenza culturale nei rapporti tra stati e popoli, si dichiari, come ha fatto ieri a Ventotene il Tesoriere del Partito Radicale, che il primo passo degli Stati Uniti d'Europa dovrebbe essere quello di una difesa comune.

Ma una difesa è necessariamente anche capacità di offesa, di guerra preventiva, di possesso di atomiche come fatto di dissuasione, persino di occupazione degli stessi popoli europei che anelano a maggiore libertà. Tutte cose delle quali nel Partito radicale non si è mai e poi mai discusso.

Eppure una delegazione del Partito dell'antimilitarismo e dell'abolizione del servizio militare obbligatorio, contro lo sterminio per fame e le spese militari, è andato a Ventotene chiedendo, come primo passo del federalismo europeo, non fiori ma cannoni, l'esercito e non la lingua dell'equo dialogo. 

Eppure con l'uscita della Gran Bretagna dall'Ue e la conseguente uscita dal novero delle lingua comunitarie della lingua inglese, le possibilità dell'affermazione esperantista in Europa aumentano sensibilmente.

Eppure già nel 1997 il premio nobel per l'Economia Selten aveva spiegato quali erano i costi dell'iniqua comunicazione europea ed internazionale. 

Ma non è la sola "anomalia" questa, alla storia del Partito radicale di Pannella, anche lo striscione utilizzato in italiano-inglese e francese e non, come il sito del PRNTT voluto da Pannella, in italiano, inglese ed Esperanto.

Davvero un peccato che si preferisca dare la parola alle armi da guerra e non a quelle della nonviolenza e del dialogo.

 

 

Torna in alto

Popoli indigeni e tradizionali, minoranze

Perù, compagnia petrolifera si ritira su pressione internazionale: vittoria per i popoli indigeni.

Perù, compagnia petrolifera si ritira su pressione internazionale: vittoria per i popoli indigeni. In Perù ci sono 212 conflitti sociali, di cui la maggior parte sono di tipo socio-ambientale. È in...

27-03-2017

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Ente Servizio Civile Nazionale NZ02506
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato