Limba all’università di Cagliari: ecco il primo esame. Dieci studenti hanno sostenuto lo scritto e l'orale in lingua sarda con il professor Virdis. d... continua >

GR, governo boccia articolo sulle lingue di Silvaplana. Il governo retico boccia l'articolo sulle lingue varato dall'assemblea comunale di Silvaplana... continua >

Conclusa a Canelli la terza edizione di Classico, il festival sulla lingua italiana. Si è conclusa ieri, domenica 18 giugno, la terza edizione di Cla... continua >

Il web "boccia" il Miur e le sue "traccie" per la Maturità. Sul sito del Ministero dell'Università e Ricerca è comparso un clamoroso refuso, ora corr... continua >

Docente stufa di essere colonizzata dalla lingua inglese. Lettera. di redazione. Prof.ssa Fortunata Cammilleri – sono una docente che si è stufata d... continua >

Con lo Ius soli subito cittadini 4mila bambini di Firenze. L’assessore: “Frequentano i nostri asili, le nostre scuole, i nostri giardini e per noi so... continua >

ITALIANS. L’italiano di molti quotidiani in versione elettronica. risponde Beppe Severgnini. Spero che nessuno si offenda se dico che l'italiano di... continua >

Luca Serianni: il professore che ha insegnato agli studenti a mettere l’accento su sé stessi. Aula gremita questa mattina per l’ultima lezione di uno... continua >

Italia o povera patria. Parola mia, la Repubblica è (af)fondata sul malinteso. di Marco Bracconi. Francesco Merlo e il suo sillabario. Una storia d... continua >

E Renzi va a insegnare in inglese alla Stanford di Firenze. Mario Neri. Non può certo rimanersene con le mani in mano. Per questo Matteo Renzi, inca... continua >

Il partito della nonviolenza a Ventotene per chiedere l'esercito e non la lingua comune. In evidenza

Il partito della nonviolenza a Ventotene per chiedere l'esercito e non la lingua comune.

Il partito della nonviolenza a Ventotene per chiedere l'esercito e non la lingua comune.

Dichiarazione di Giorgio Pagano, Segretario dell'Associazione radicale Esperanto e Responsabile del PRNTT per la Campagna della lingua comune della specie umana.

Non finisce mai di meravigliare, questo Partito Radicale post Pannella. Certo è, però, con mozioni che parlano di lingua comune della specie umana e di necessità di una lingua federale europea fin dal 1993, stupisce non poco il fatto che, anziché farsi portatori dell'istanza di una delle più antiche e consolidate battaglie del PRNTT, quella dell'affermazione dell'equo dialogo transnazionale, di una lingua della nonviolenza culturale nei rapporti tra stati e popoli, si dichiari, come ha fatto ieri a Ventotene il Tesoriere del Partito Radicale, che il primo passo degli Stati Uniti d'Europa dovrebbe essere quello di una difesa comune.

Ma una difesa è necessariamente anche capacità di offesa, di guerra preventiva, di possesso di atomiche come fatto di dissuasione, persino di occupazione degli stessi popoli europei che anelano a maggiore libertà. Tutte cose delle quali nel Partito radicale non si è mai e poi mai discusso.

Eppure una delegazione del Partito dell'antimilitarismo e dell'abolizione del servizio militare obbligatorio, contro lo sterminio per fame e le spese militari, è andato a Ventotene chiedendo, come primo passo del federalismo europeo, non fiori ma cannoni, l'esercito e non la lingua dell'equo dialogo. 

Eppure con l'uscita della Gran Bretagna dall'Ue e la conseguente uscita dal novero delle lingua comunitarie della lingua inglese, le possibilità dell'affermazione esperantista in Europa aumentano sensibilmente.

Eppure già nel 1997 il premio nobel per l'Economia Selten aveva spiegato quali erano i costi dell'iniqua comunicazione europea ed internazionale. 

Ma non è la sola "anomalia" questa, alla storia del Partito radicale di Pannella, anche lo striscione utilizzato in italiano-inglese e francese e non, come il sito del PRNTT voluto da Pannella, in italiano, inglese ed Esperanto.

Davvero un peccato che si preferisca dare la parola alle armi da guerra e non a quelle della nonviolenza e del dialogo.

 

 

Torna in alto

Popoli indigeni e tradizionali, minoranze

Sudamerica. «Noi Mapuche, in lotta per la terra in Patagonia».

Sudamerica. «Noi Mapuche, in lotta per la terra in Patagonia».di Monica Zornetta. Gli indigeni combattono contro il business «sfrenato». L'accusa di sfruttamento nei confronti di Benetton che si difende: nel 2006...

06-06-2017

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato