Ora è ufficiale: a scuola non tutti sanno l’italiano. In effetti non è così. E di questi giorni il dato fornito dal Miur sulla crescita annua di circ... continua >

ITALIANS. Milano: la Statale e le lauree umanistiche a numero chiuso. Caro Beppe e cari Italians, il 23 maggio il Senato Accademico dell’Università ... continua >

Tedesco, in sette anni conoscenza a picco. Le ricercatrici: gli italiani non reggono una conversazione su temi quotidiani Una «Caporetto» per i tedes... continua >

Politica scolastica. I 600 universitari insistono: cosa facciamo per migliorare l'italiano degli studenti? di Reginaldo Palermo. Si riapre la quest... continua >

Due parole in croce. di Luigi Accattoli. Il chiasso dello Spirito. “Fate chiasso” aveva detto più volte ai giovani Bergoglio che ultimamente ha dat... continua >

Mosca, una lingua "franca" per tutte le popolazioni slave. L'hanno creata un linguista ceco e un antropologo croato per rendere possibili la comunica... continua >

ITALIANS. Legge e ortografia. risponde Beppe Severgnini. In un'aula di tribunale hanno messo l'apostrofo! Ora, io sarò anche pignolo perché insegno... continua >

Mediterraneo. Una lingua meticcia ferita dall’Europa colonialista. Luciana Castellina. Sabir: basterebbe aver scelto questo nome a far capire cosa ... continua >

TV. La storia della televisione svizzera italiana. Irene T. Oggi siamo in Svizzera per raccontare la lunga storia della tv pubblica dei nostri vicin... continua >

L’intervista. Il «grido» di Rigoberta Menchù: «Scomparire? È peggio di essere uccisi». La premio Nobel: bisogna preservare la memoria delle vittime. ... continua >

Anche Sartori ci ha lasciato un grande e libero politologo. In evidenza

Anche Sartori ci ha lasciato un grande e libero politologo.

Diversamente dalla miriadi di politologi prezzolati, Sartori era uno dei pochissimi politologi italiani che era d'accordo sulla necessità di una lingua federale europea ma, diceva, "Sono isolato, gli altri sono organizzati in mafie professionali", in quell'occasione replicai meravigliato con "UE: Caro Sartori, i Radicali parlano di economia linguistica e lingua federale europea da decenni." al suo articolo del 2012 sul Corriere, dove sosteneva che nessun politico prendeva in considerazione quella, fondamentale, conditio sine qua non linguistica.
Avevo sentito Giovanni Sartori l'ultima volta nel 2014 per organizzare un convegno-seminario che, il Sottosegretario Sandro Gozi , aveva detto a me, Marco Beltrandi e Marco Pannella di voler realizzare ma che poi, come uno dei soliti politici la cui parola vale il tempo che trova, non aveva più voluto realizzare.
Un acume, quello di Giovanni Sartori, certamente fuori dalla norma partitocratica di regime e del quale gli spiriti liberi ed indipendenti sentiranno molto la carenza.

Torna in alto

Popoli indigeni e tradizionali, minoranze

Il «grido» di Rigoberta Menchù: «Scomparire? È peggio di essere uccisi».

L’intervista. Il «grido» di Rigoberta Menchù: «Scomparire? È peggio di essere uccisi». La premio Nobel: bisogna preservare la memoria delle vittime. Tutti siamo migranti. Da milioni di anni abbiamo attraversato il pianeta...

16-05-2017

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Organizzazione Non Governativa con statuto consultivo di categoria speciale, presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite.
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato