Scuola. Italiano vs inglese all’università, cosmopolitismo o provincialismo? Giuseppina La Face. In questi mesi giornali e media hanno trattato due... continua >

La vicepresidente Barni all’incontro con la linguista Elana Shohamy. “Un lungo lavoro di ricerca condivisa in tema di politiche linguistiche, e una l... continua >

Così ho insegnato agli alunni ad amare la lingua italiana. Annamaria Fassio email. Sono una insegnante elementare in pensione e scrittrice di gialli... continua >

Perù, compagnia petrolifera si ritira su pressione internazionale: vittoria per i popoli indigeni. In Perù ci sono 212 conflitti sociali, di cui la m... continua >

A Siena dal 7 al 9 aprile «Parole in cammino» la lingua italiana al tempo di «petaloso». Un percorso sull’italiano fra passato, presente e futuro: co... continua >

Trump: bufera sul termine “cafone”, per il Corriere Canadese “nessun razzismo”. Il Corriere Canadese, storico quotidiano della comunità italiana nei ... continua >

Prof del carcere minorile di Nisida tra le insegnanti migliori d’Italia. È Consolata Maria Franca, al secondo posto insieme ad altre tre colleghe Il... continua >

In Italia si moltiplicano, ma l’accesso è difficile. Corsi in inglese, la grande chance di arrivare prima. Ma la Corte costituzionale ha bocciato gl... continua >

Maria Agostina Cabiddu - Lettera (M. Cabiddu). Al direttore - Il 7 marzo questo giornale ha pubblicato un’intervista a Sabino Cassese sulla sentenza ... continua >

I neologismi sono un male necessario? di Francesca R. Cicetti Una lingua reattiva è un bene: l’ostinata modernizzazione forzata non lo è. Altrimenti... continua >

20 settembre Radicale in Corte Costituzionale per un'Italia non nazionalizzata in lingua inglese In evidenza

Il Presidente della Repubblica Mattarella e il Presidente della Corte Costituzionale Grossi (ANSA). Il Presidente della Repubblica Mattarella e il Presidente della Corte Costituzionale Grossi (ANSA).

Un 20 settembre, anziché a Porta Pia, alla Corte Costituzionale per riprenderci l'Italia dalla nazionalizzazione linguistica inglese di atenei e scuole.

Giorgio Pagano (Radicali) scrive ai giudici della Corte Costituzionale.

In merito all’udienza della Corte Costituzionale del prossimo 20 settembre nella quale il collegio giudicante si esprimerà sulla cosiddetta internazionalizzazione (inglesizzazione) attuata dal Politecnico di Milano Giorgio Pagano, esponente del Partito Radicale, ricorda le parole di Umberto Eco in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia in Quirinale “Un dialetto è una lingua a cui è mancata l’università, e cioè la pratica della ricerca e della discussione scientifica e filosofica” . E’ quanto sta avvenendo – sottolinea Pagano – al PoliMi, dove nell'anno accademico 2014/15 su 39 corsi di laurea magistrale 33 sono in inglese e solo 6 in italiano, destinati però a soccombere perché persino chi opera con la doppia lingua, italiano/inglese, viene penalizzato dal Rettore che eroga 90.000 euro solo per i corsi di studio che scelgono l’Ordinamento della laurea magistrale esclusivamente in inglese. Ne consegue che chiunque tolga spazio allo studio in italiano di qualsivoglia materia nell’università, vuole la dialettizzazione della lingua italiana. Svolge un’azione sovversiva tesa alla perdita di sovranità linguistica dell’Italia per consegnarla in mano straniera. Oggi persino extracomunitaria, in quanto con la Brexit, esce anche l’inglese - notificato all’UE dal solo Regno Unito quale lingua ufficiale -, dalle lingue comunitarie. Entra così in cortocircuito anche il sistema della lingua straniera in Italia che ha assegnato all’inglese il ruolo di prima lingua tra le 4 maggiori dell’Unione.

Oltre alla distruzione di una lingua, di una cultura, di un futuro, Giorgio Pagano evidenzia ancora le prevedibili pesanti conseguenze economiche di queste decisioni del Politecnico:  con circa 12.800 iscritti alle lauree magistrali, ipotizzando una media di 26 esami nel biennio per corso di laurea, un solo libro di 20 € per esame, l’84% degli iscritti ai 33 corsi di laurea solo in inglese, la perdita biennale per la sola editoria scientifica italiana ed, evidentemente di tutto il sistema occupazionale di settore e di filiera, è di circa 185.842.800 Euro. È poi da prevedere una futura classe di laureati magistrali docenti nei licei scientifici e tecnologici che insegneranno termini scientifici e tecnici inglesi, innescando un meccanismo perverso che distruggerà per sempre il lessico tecnico-scientifico in lingua italiana.

Basta immaginare – conclude l’esponente radicale - questa cifra aggiunta alle altre risultanti dai vari corsi solo in inglese della molteplici università italiane, delle scuole secondarie, delle materie insegnate solo in inglese col metodo CLIL e, sotto i nostri occhi, l’accecante evidenza è che si sta realizzando è il genocidio linguistico-culturale italiano attraverso l’istruzione.

QUI L'INTEGRALE DELLA LETTERA AL COLLEGIO DEI GIUDICI DELLA CORTE COSTITUZIONALE

Torna in alto

Popoli indigeni e tradizionali, minoranze

Perù, compagnia petrolifera si ritira su pressione internazionale: vittoria per i popoli indigeni.

Perù, compagnia petrolifera si ritira su pressione internazionale: vittoria per i popoli indigeni. In Perù ci sono 212 conflitti sociali, di cui la maggior parte sono di tipo socio-ambientale. È in...

27-03-2017

"Esperanto" Radikala Asocio


Associazione Radicale Esperanto
Esperanto Radical Association

Senza scopo di lucro dal  25 aprile 1987
O.N.L.U.S. dal 1998
Codice fiscale 97104360587
Ente Servizio Civile Nazionale NZ02506
Conto corrente postale 60397007
Conto bancario presso Poste italiane IBAN:
IT07N0760103200000060397007
Associazione costituente del Partito Radicale
nonviolento, transnazionale e transpartito

Via di Torre Argentina 76 Roma 00186
Tel. 0668979797 fax 0623312033
Cell. 3275576333 Email scrivici[at]eraonlus.org

 

Bonifico sul conto con IBAN:
IT07N0760103200000060397007

Versamento tramite il classico
Bollettino postale:

Scaricalo da qui già precompilato